A Bordighera il Lungomare Argentina passerella per Evita Peron

Un rettilineo lungo due chilometri che corre tra la ferrovia e la spiaggia, fiancheggiato da splendidi filari di “Araucaria excelsa” e da variopinti giardini con piante grasse e fiori. Il magnifico Lungomare Argentina è uno dei simboli e dei vanti di Bordighera. C’è un perché questo lembo di Liguria è dedicato all’Argentina, terra di forte legame con la Liguria (migliaia di nostri corregionali sono emigrati là, al punto che alla Boca di Buenos Aires si parla ancora dialetto genovese): ad inaugurare la promenade, il 13 luglio del 1947, fu Evita Peron, la “pasionaria” moglie del presidente argentino. Una presenza vissuta come “auspicio” della rinascita turistica della città nel dopoguerra. Evita Peron fu accompagnata durante la sua visita dall’allora sindaco Raul Zaccari. In suo onore un floricoltore creò una rosa speciale. In suo onore venne dato un ricevimento e una distilleria creò “Il Profumo di Evita”. La giornata di Evita Peron vide anche visite a Sanremo e Ventimiglia.

Il Lungomare Argentina è forse la passeggiata mare pedonale più lunga della riviera, di certo una delle più belle (anche se non la sola). Da qui si ammira il “panorama incomparabile” descritto da Edward e Margaret Berry. Lo sguardo abbraccia la costa fino alla rocca della Turbie, ai grattacieli di Montecarlo, al promontorio di Cap Ferrat e oltre.

María Eva Duarte de Perón, nata Eva María Ibarguren (Los Toldos, 7 maggio 1919 – Buenos Aires, 26 luglio 1952), è stata un’attrice, politica, sindacalista e filantropa argentina, seconda moglie del Presidente Juan Domingo Perón e First Lady dell’Argentina dal 1946 fino alla morte nel 1952, avvenuta per un tumore, a soli 33 anni. La sua fu un’infanzia di stenti e sacrifici e quindicenne, si trasferì a Buenos Aires dove iniziò a lavorare in una radio. Conobbe Juan Domingo Perón, militare, mentre lavorava a Radio El Mundo nel 1944. Due anni dopo Peron divenne presidente dell’Argentina. Il 17 ottobre 1945 guidò la manifestazione per la liberazione del marito, arrestato per le sue attività contrarie agli interessi militari. La sua vita è diventata famosa anche per la pellicola “Evita” firmata da Madonna.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…