A Genova i sapori del mondo con De GustiBUS

Giovedì 8 settemrbre dalle 18 alle 22 al Castello D’Albertis di Genova torna la quarta edizione di “De GustiBUS Tutti i sapori del mondo”, aperitivo multiculturale con il Museo delle Culture del Mondo, l’associazione Y.E.A.S.T. la Cooperativa Solidarietà e Lavoro, l’Associazione Culturale 4GREEN e Papille Clandestine.

Un viaggio gastronomico con diversi punti gastronomici nel giardino del Castello per scoprire il “gusto” di altre culture. Si viaggerà attraverso profumi e gustosi piatti provenienti da Brasile (Associazione Luanda), Messico, Perù (Associazione Interculturale Encuentro Entre 2 Mundos), India (ristorante Bombay Palace), Giappone (Il sapore dei fiori di ciliegio), Eritrea (Gastronomia Eritrea Huwnet), Haiti (Haiti Tourismes), Italia (Contadini della Vesima), Uruguay, Spagna (Jalapeno), Polonia (ristorante Kowalsky) Afghanistan, Pakistan (Nati per Soffriggere), Argentina, Colombia, Venezuela (Colidolat), Australia (Kwiznz). Da non perdere le visite accompagnate alla suggestiva rete di passaggi sotterranei e percorsi tra le torri che ci sveleranno i tanti segreti del castello (6 euro comprensivo di ingresso e visita)

Per prenotazioni 010 2723820 biglietteriadalbertis@comune.genova.it

Il percorso gastronomico alla scoperta di 18 paesi verrà accompagnato da spettacoli di danza e musica, per offrire un’esperienza intensa ed esclusiva.

“Da anni Y.E.A.S.T. si occupa di far viaggiare i giovani in Europa per educare alla multiculturalità, valorizzare la dimensione internazionale, destrutturare i pregiudizi e favorire uno scambio costruttivo di esperienze, attraverso DegustiBUS estende il proprio raggio di azione non solo ai giovani ma ai genovesi e non di tutte le età, promuovendo un viaggio metaforico tra le cucine e i sapori del mondo. In un momento così difficile per i temi dell’inclusione e dell’integrazione, DegustiBUS propone un approccio di interazione interculturale; attraverso la tematica del cibo, da sempre elemento di identità culturale, avanza un’idea di convivenza e valorizzazione della diversità, un punto di vista gustoso e profumato”, spiegano gli organizzatori.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…