A Genova la Liguria dice no all’Aids!

Giovedì 1° dicembre, Giornata Mondiale dell’AIDS, si terrà il Congresso Regionale della Sezione Liguria dell’ANLAIDS. Giunto alla sua quinta edizione, si svolgerà presso l’Aula Polivalente San Salvatore in Piazza Sarzano a Genova. Si tratta dell’appuntamento annuale degli operatori socio-sanitari che si occupano di infezione HIV e malattie sessualmente trasmesse. Secondo un andamento abbastanza stabile da alcuni anni, le nuove infezioni che vengono ogni anno diagnosticate in Liguria sono all’incirca due alla settimana. A differenza di altri paesi industrializzati, in Italia i numeri suggeriscono che negli ultimi anni i nuovi casi anziché ridursi rimangono costanti. L’HIV è dunque una patologia ancora presente, fortunatamente meno letale ed invalidante, e che nel nostro paese ogni anno conta circa 4000 nuovi casi.

world aids dayPurtroppo i malati si presentano ai reparti di Malattie Infettive spesso in fase avanzata della malattia, quando cioè la terapia è meno efficace di quanto sarebbe se iniziata in fasi più precoci. Da qui il reiterato invito a chiunque avesse un qualunque vago dubbio di poter essersi contagiato di recarsi in un reparto di Malattie Infettive anche senza appuntamento e fare il test gratuitamente. La modalità di trasmissione più frequente è ormai quella sessuale, con prevalenza per la trasmissione attraverso rapporti omosessuali. Come è noto di infezione da HIV non si guarisce mai, ma si può mantenere il virus sotto controllo con una terapia che dura tutta la vita. Il motivo per il quale le persone continuano ad infettarsi è difficile da stabilire. Certo, tra le altre cose, c’è anche una insufficiente comunicazione e mancata consapevolezza del rischio da parte della popolazione.

Per questo, il prossimo 1° Dicembre ci sarà anche la presentazione delle attività di Being Positive un’iniziativa di un gruppo di Docenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Genova e dei loro studenti. Di concerto con Anlaids Liguria e con un altro dipartimento universitario (DISSAL) che raccoglie, tra l’altro, infettivologi ed igienisti, il progetto è costituito nella preparazione di una grande quantità di materiale didattico e divulgativo che viene già fin d’ora portato nelle Scuole e usato dagli attivisti e volontari di ANLAIDS e BEING POSITIVE per rendere consapevoli i giovani del rischio di contagio.

world-aids-day-2015-bannerIl programma del congresso di quest’anno si articolerà sulla messa a punto dell’epidemiologia dell’infezione da HIV in Liguria, in Italia e nel mondo, sulla presentazione del progetto e risultati di Being Positive, sul progetto Anlaids Scuole e su confronti d’esperienze in due grandi città della zona nord del Mediterraneo (Nizza e Genova). Si discuterà infine sul ruolo della chemioprofilassi pre-esposizione, ossia sul prendere un farmaco prima di sottoporsi volontariamente ad una situazione di alto rischio infettivo per via sessuale, una nuova indicazione per un vecchio farmaco che sta sollevando molteplici polemiche a tutti i livelli.

Il congresso organizzato da Anlaids Liguria avrà inizio alle 8.30 e si concluderà alle 18. Per informazioni sul congresso: segreteria organizzativa Nadirex International S.r.l.

Tel. +39.0382.525735-14, e-mail: info@nadirex.com

Programma

  • 08.30 Registrazione dei partecipanti
  • 09.00 Saluto delle Autorità. A seguire introduzione alla Giornata con Giuseppe Costa Presidente Anlaids Liguria e il prof. Claudio Viscoli
  • 09.30 L’epidemiologia dell’infezione da HIV: Liguria, Italia, Europa e resto del Mondo G. Icardi (Genova)

I SESSIONE – Nuove Iniziative

Moderatori: C. Viscoli (Genova), G. Cassola (Genova)

  • 10.00 Conoscere HIV: le attività di Anlaids Nazionale nelle scuole di Italia G. Cassola (Genova)
  • 10.30 Being Positive: progetto Università di Genova, DSA-DISSAL-ANLAIDS Liguria E. Bistagnino (Genova), A. Castellano (Genova), M.L. Falcidieno (Genova). A seguire discussione.

II SESSIONE – Esperienze a confronto

Moderatori: M. Anselmo (Savona), G. Ferrea (Sanremo), S. Artioli (La Spezia), G. Ferrandes (Genova)

  • 11.30 Essere HIV: dal segreto alla condivisione di gruppo. Quattro anni di esperienza di Gruppo M. Tosato (Genova)
  • 12.00 La qualità della vita delle persone che vivono con HIV nella nostra comunità, analisi della coorte genovese A. Venturini (Genova)
  • 12.30-13.00 Modelli organizzativi nella gestione del paziente con HIV: l’esperienza francese a Nizza S. Ferrando (Genova), L. Fredouille (Genova). A seguire discussione.

III SESSIONE – Nuovi problemi vecchie esperienze

Moderatori: C. Viscoli (Genova), G. Cenderello (Genova)

  • 14.30 Profilassi pre-esposizione, luci ed ombre? S. Lo Caputo (Bari)
  • 15.00 Come cambia il ruolo delle case alloggio G. Lizzio (Genova)
  • 15.30-16.00 Discussione

IV SESSIONE – Tavola Rotonda: Attività specifiche delle singole Unità operative di Malattie Infettive in Liguria

  • 16.00-17.00 Intervengono: M. Anselmo (Savona), S. Artioli (La Spezia), V. Bartolacci (Albenga), G. Cassola (Genova), E. Castagnola (Genova), G. Ferrea (Sanremo), M. Setti (Genova), C. Viscoli (Genova)
  • 17.00-17.30 Discussione
  • 17.30-18.00 Conclusioni C. Viscoli (Genova), G. Cassola (Genova)

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…