A lezioni di tartufaie in Val Bormida

Tartufi di nuovo protagonisti in Val Bormida, dove venerdì 18 maggio, dalle 14,30 alle 18,30 a Cosseria, ci sarà una dimostrazione di tecniche innovative per la salvaguardia e il recupero produttivo delle tartufaie naturali di tartufo bianco pregiato.

Protagonisti della giornata i tartufai e gli studiosi dell’Associazione ligure tartufai e tartuficoltori con sede a Millesimo. L’evento fa parte del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l’Europa investe nelle zone rurali Sottomisura M01.02 – Tipologia di intervento 1.2.1 “Attività dimostrative” Intervento “Progetti dimostrativi”. Bando DGR n.1339/2016 Progetto Dimostrativo: T.Tub&r con titolo “Tartufaie: Tutela Biodiversità & Recupero”. Il campo dimostrativo sarà in Località Rossi a Cosseria. Attività dimostrativa funzionale alla salvaguardia della biodiversità delle tartufaie naturali di Tuber magnatum (in ambiente di tartufaia umida temporanea – fossi), tramite interventi di gestione del suolo e della vegetazione erbacea e arbustiva del sito: descrizione sul campo delle caratteristiche ecologiche del sito; esecuzione con spiegazione delle tecniche manutentive più idonee per lo sviluppo del micelio fungino ipogeo (ripuliture della vegetazione arbustiva, sfolli della componente arborea, regimazione acque, distribuzione di correttivi del pH.

Interverranno: professoressa Mirca Zotti, esperta micologa, docente e ricercatrice presso DISTAV – Università degli Studi di Genova; dottor Simone Di Piazza, Ph.D. – Esperto micologo, libero professionista; Perito Agrario Maurizio Bazzano, presidente dei tartuficoltori ligure e dott. For. Matteo Zerbini.

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...