A Loano il concerto dei Turchini

Venerdì 19 agosto, a Loano per “I Concerti dei Turchini” alle 21, nell’Oratorio N.S. del SS. Rosario, protagonisti del concerto saranno Antonio Frigé (organo) e Gabriele Cassone (tromba naturale).Il programma della serata, che propone un “omaggio” alla musica strumentale del Seicento e Settecento, si aprirà con l’esecuzione di due Sonate (dette del Niccolini e del Vitelli) di Girolamo Fantini e della Sonata II per trombetta sola et organo di Giovanni Bonaventura Viviani. In programmi anche brani di Girolamo Frescobaldi (Toccata per l’elevazione e Bergamasca), Gian Paolo Cima Borgo (Canzona XIII e Canzona detta la Novella), quest’ultime tratte dalle “canzoni da sonare” rinascimentali, Bernardo Pasquini (Variationi in do) e di Andrea Falconiero (Batalla de Barabasso y Satanas). Il concerto si concluderà con brani del barocco italiano con il Concerto in Sol maggiore di Antonio Vivaldi, del barocco inglese con la Suite of Trumpet voluntaries di John Stanley e di quello tedesco con la Suite dalle “Musiche sull’acqua” di George Friedrich Haendel.

 

Il trombettista friulano Gabriele Cassone è un concertista riconosciuto in tutto il mondo e apprezzato sia nell’interpretazione della musica su strumenti d’epoca (tromba naturale barocca, tromba classica a chiavi, tromba romantica a cilindri e cornet à pistons) sia nell’esecuzione del repertorio contemporaneo. Luciano Berio lo ha scelto per eseguire suoi brani con tromba solista: Sequenza X per tromba sola e, in prima assoluta, Kol-Od, sotto la direzione di Pierre Boulez con l’Ensemble Intercontemporain.

 

Antonio Frigè diplomato in Organo e Composizione Organistica ed in Clavicembalo presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, ha intrapreso un’intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare, per le più prestigiose Società Concertistiche, in tutta Europa e negli U.S.A.

Particolarmente appassionato della letteratura del sei-settecento eseguita su strumenti “storici”, ha pubblicato una trentina di CD e collabora con l’Istituto Vivaldi per le edizioni critiche delle opere di A. Vivaldi.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…