A Loano Slow Food incontra le ricette di Gian Riccardo Ferrari

La Condotta Slow Food di Albenga, Finale Ligure e Alassio, organizza una cena tra gusto e solidarietà venerdì 16 marzo alle 20,30 al ristorante Piatti Spaiati-Le Marionette.

Spiega Monica Maroglio, funambolica Fiduciaria della Condotta: “Per il terzo anno consecutivo abbiamo il piacere di tornare in quel di Loano nelle sapienti mani della chef Marilena Marinelli, dell’ampliato ristorante Piatti Spaiati – Le Marionette, che dall’incontro con le loanesi ricette di Gian Riccardo Ferrari “U Caban” ci propone un’esperienza sensoriale strepitosa. Anche questa volta saranno disponibili per l’acquisto i tre libri da cui sono state tratte le portate della cena stessa che ha lo scopo di raccogliere fondi per l’Associazione DopoDomani Onlus che Gian Riccardo, figlio di pescatore, appassionato ricercatore delle tradizioni, amante della cucina ha contribuito a fondare”.

L’incontro tra Marilena e Gian Riccardo ha fatto nascere il menù della serata: Purpette de ruscetti cun ancioue pine e ancioue impanè (Polpettine di rossetti accompagnate da acciughe ripiene ed impanate; pag.44 de Profumo d’arziglio e pag. 30 de Ina arbanela de ancioue) con Lumassina Az.Agr. Ruffino – Punta Crena Varigotti; Picagge au tuccu de purpu (Pasta fatta a mano con ragù di polpo, pag.86 de Profumo d’arziglio) con aggiunta di carciofi e Vermentino Az. Agr. Durin Ortovero; A Menestrina du Caban (Zuppa di pesce di tramaglio, pag.106 de “Ina arbanela d’ancioue) Cigliegiolo Az. Agr. Pino Gino Castiglione Chiavarese; Spungata del Levante Ligure e Panera in semifreddo con Moscato Az. Agr. Patrone Cortemilia. I vini in accompagnamento sono a cura del sommelier Filippo Brunengo.Il costo sarà di 30 euro per i soci Slow Food e di 35 per i loro ospiti. Per prenotare 349/5593472 o 3488765551. Dutrante le serata Gian Riccardo Ferrari racconterà aneddoti, curiosità e motivazioni di questo suo importante lavoro. Sarà possibile acquistare i libri.

 

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...