A Rocchetta di Cengio la festa dell’antico moca

E una dei legumi recuperati grazie alla passione e ad una nuova consapevolezza, quella che vuole una agricoltura sostenibile. Ora è un prodotto dell’Arca del Gusto di Slow Food (i prodotti antichi che devono essere salvati) ma fino alla prima metà del secolo scorso il moco era diffuso nella Valle Bormida, in particolare sulle alture di Cairo Montenotte e a Cengio nella frazione Rocchetta. Fra gli appellativi in uso negli anni ’30 per indicare gli abitanti della frazione di Rocchetta si ricorda “cui ed rucchetta mangia mochi”: i Rocchettesi erano chiamati “mangia-mochi”, proprio per la diffusa coltivazione e consumo di questo legume, abbandonato poi dopo la Seconda Guerra Mondiale. Le testimonianze degli anziani riportano come negli anni di maggior carestia veniva coltivato questo legume che non richiedeva particolari cure e cresceva nei terreni poveri.

Le ricerche hanno portato a ritenere che il moco sia una varietà di cicerchia (Lathyrus sativus), un legume dotato di notevole rusticità e resistenza ai climi secchi. I fiori variano di colore , dal bianco al rossastro e azzurri, i frutti sono simili a un piccolo pisello ma sono irregolari. Assomigliano a piccole pietre. La semina avviene al centesimo giorno dell’anno (“au cent di”). I baccelli contengono da uno a tre semi. I semi essiccati si consumano (previa messa a mollo per almeno una notte) in zuppe e minestre.
Domenica 12 giugno Rocchetta di Cengio ospita la prima Festa del Moco in fiore, considerando che sarà possibile ammirare le piantine di moco con il fiore. Il programma prevede alle 10,30 Talk show, Contaminazioni tecniche sul mondo dei legumi esperienze, testimonianze sulla coltivazione e delle piante leguminose Consegna della De.Co. al Moco delle Valli della Bormida, dalle 12,30 Stand gastronomico con menu fisso a tema il menu sarà improntato sull’utilizzo dei legumi (fra cui ovviamente il moco) nella preparazione di piatti della tradizione. Per tutto il pomeriggio cucina di strada e farinata di mochi cotta in forno a legna con farina macinata a pietra. Alle 17 StraRocchetta- Family Run Corsa podistica non competitiva fra appezzamenti con mochi in fiore in collaborazione con Atletica Gillardo di Millesimo.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…