A Sassello il camandante Badano racconta l’epopea dell’Andrea Doria

Sabato 23 luglio dalle 19,30 si parlerà dell’Andrea Doria, orgoglio della Marina Italiana che affondò, speronata da un mercantile svedese, nel 1956 poso distante dal porto di New York. Uno dice “bella forza”, se non si parla di navi e storie marinare in Liguria…Il punto è proprio questo. Non se ne parla a Genova o Savona ma a Sassello, negli splendidi saloni di Palazzo Salsole, sede del ristorante che fonde Idee, Cibo e Storie come recita il motto del locale ideato dai proprietari, Daria e Michele Ferrando, con l’intenzione di coniugare cucina di qualità con l’arte, la cultura e il territorio. Ovviamente se a Sassello si parlerà di Andrea Doria c’è un perchè e ha un nome ed un cognome: Guido Badano, comdandante sassellese oggi ottantanovenne, che all’epoca era il secondo ufficiale della celebre nave passeggeri, forse la più bella nave mai varata, tragicamente affondata nel pomeriggio del 25 luglio 1956 dopo essere stata speronata dalla motonave Stockholm, salpata dal porto di New York dove l’Andrea Doria era diretta. La cena sarà occasione per ricostruire l’epopea della nave attraverso la preziosa ed irripetibile testimonianza di Guido Badano che l’ha vissuta da protagonista, ma anche per descrivere un vero e proprio gioiello, orgoglio dell’Italia del dopoguerra, per la straordinaria bellezza degli allestimenti e la ricchezza di grandi opere d’arte. L’incontro ha il patrocinio del Comune di Sassello e, grazie al Teatro di Sassello, sarà arricchito da brevi piecés teatrali e grazie alla Fondazione Ansaldo ci saranno filmati legati all’Andrea Doria.Prenotazioni e info:019.724359 – info@palazzosalsole.it

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…