A Savona il Mercato d’aMare aspettando Slow Fish

Il Mercato Civico di Savona si trasforma, venerdì 21 e sabato 22, in “Mercato d’aMare”. Un evento sulle tematiche marine in tutte le sue declinazioni per entrare nella qualità del mondo della cucina ligure navigando tra i banchi storici del mercato savonese. Una occasione ulteriore per la presentazione della nuova edizione di Slow Fish 2017 a Genova targato Slow Food Italia e Regione Liguria, manifestazione che si svolgerà il prossimo mese di maggio. Nel bordesare fra i banchi storici nel fare la spesa o assaggiare qualche piattino degustativo a base di pesce ci saranno anche due interessanti laboratori gratuiti:Venerdì 21 dalle 18 “ll pesce in punta di penna” ovvero Il mare e i suoi abitanti spiegati attraverso il disegno del Maurizio Wurtz, biologo, docente universitario e ricercatore, dell’Associazione Menkab Savona.

Sabato 22 alle 10.30 “Acciughe sotto sale del Mar Ligure” a cura di Nadia Repetto, biologa e ricercatrice, di Slow Food Liguria comunità del cibo

Al Mercato, insieme ai banchi storici, ci saranno artigianato e street food a base di pesce:
Slowfood Condotta Del Savonese , Noli , Varazze, Sassello, la rete siamo noi; Il Chinotto nella Rete e i suoi prodotti; Bio Cocktail Origine & Lurisia – Premium Beverages con stupefacenti drink; La Bottega dei Cereali con superlativi prodotti; Albigadus stocco e qualità prodotti ittici; Temide artigianato e arte; Motus wave energia della natura in movimento; Fattoria Il Corbezzolo & Ristoro Camilia prodotti e assaggi di piatti tipici; Vincenzo Bova chef con il suo menù degustazione in takeaway; Mescite Genova vini; Associazioni Panificatori e affini Savona per tutto ciò che è da mani in pasta e forno; Birra Confine quality beer del territorio. Sabato dalle 19.30 un po’ di jazz del “il Trio” sino al rush finale previsto attorno alle 22.30. “Un altro momento per il rilancio del mercato civico savonese e per ritrovarci insieme con il piacere del sapere e per il buono , pulito e giusto”, commentano alla condotta savonese di Slow Food.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…