Rinviata per allerta meteo a Tovo la presentazione del Catalogo scientifico del Museo dell’Orologio

A causa dell’allerta  meteo la presentazione del catalogo è rinviata a data da destinarsi.

A chiusura della XV Settimana della Cultura d’Impresa di Confindustria giovedì 24 novembre alle 17 all’Unione Industriali di via Gramsci presentazione del Catalogo Scientifico del Museo dell’Orologio da Torre “G.B. Bergallo”. L’incontro è uno degli eventi conclusivi (e unico in Liguria) della XV Settimana della Cultura d’Impresa organizzata da Confindustria e dall’Associazione Nazionale Museimpresa, di cui il Museo Bergallo fa parte. E’ l’occasione per presentare per la prima volta il catalogo, realizzato nell’ambito di un progetto di comunicazione sostenuto dalla Fondazione De Mari e dalla Regione Liguria – Assessorato alla Cultura che lo hanno reso possibile. 
Il Catalogo Scientifico è un volume fotografico di 126 pagine con interventi dedicati alla tradizione ligure nell’orologeria da torre e ai Bergallo di Bardino Nuovo e alla costruzione e restauro di orologi da torre. Viene descritto il Museo Bergallo (che nel 2017 festeggerà venti anni di apertura al pubblico) ed il cuore del volume è il Catalogo degli orologi esposti con schede tecniche descrittive in italiano e in inglese. Completa il libro un estratto dai Registri Bergallo con l’elenco degli orologi prodotti ed installati fra il 1877 e il 1984 oltre ad al glossario tecnico ed alla bibliografia. Le fotografie degli orologi e del museo sono di Mino Amandola mentre quelle storiche dell’officina Bergallo sono di Maurizio Calcagno.

 

Interventi di Francesca Appiani, Consigliere delegato Museimpresa; Marisa Addomine e Daniele Pons, Registro Italiano Orologi da Torre, curatori del volume; Luigi Barlocco, coordinatore del progetto di comunicazione

Il volume, edito da Marco Sabatelli Editore, sarà disponibile presso il bookshop del Museo dell’Orologio da Torre e anche online sul sito www.sabatelli.it La partecipazione all’evento è libera sino a esaurimento dei posti disponibili.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…