Albenga: buon compleanno Croce Bianca, 105 anni dalla parte di chi soffre

Tre giorni di celebrazioni per festeggiare i 105 anni della Croce Bianca di Albenga. Da domani a domenica il piazzale davanti alla storica sede sarà un susseguirsi di concerti (venerdì quello di musica leggera per i militi, sabato quella della Fanfara del III Battaglione Carabinieri Lombardia), premiazioni, tagli di nastri per nuovi mezzi di soccorso (domenica mattina la posa di corone di fiori al monumento ai Caduti e alle vittime del naufragio dell’Annamaria, con alle 12,30 la messa celebrata dal vescovo Borghetti, nel pomeriggio sfilata e benedizione dei mezzi). Dino Ardoino, presidente della Pubblica assistenza, aveva 8 anni quando cominciò a mettere piede nella sede per “dare una mano”. Oggi ne ha 70 ed ha ancora l’entusiasmo e la generosità del volontario: “La storia della Croce Bianca è la storia della città, dei suoi valori, dei suoi bisogni. Era il 3 novembre 1912 quando 70 persone si ritrovarono al Teatro Civico approvando lo Statuto e fondando così la Croce Bianca. Quando sono entrato io c’erano un paio di lettighe a mano, dei carretti e una sola ambulanza, la storica Annamaria che oggi è in mostra nel museo del sodalizio. Oggi ci sono sezioni in tutte le vallate, automezzi, purtroppo sempre più vecchi perchè la crisi ha colpito anche la solidarietà, una struttura che nonostante le difficoltà funziona. I problemi ci sono, ma questa è una occasione di festa perchè un compleanno è un momento di felicità, ci deve dare la carica per non arrenderci e continuare ad essere un punto di riferimento per il volontariato e la generosità che Albenga è sempre stata in grado di dimostrare nel corso di più di un secolo”.

Di seguito i dati dell’attività associativa dell’ultimo quinquennio:

– Servizi effettuati: 92.840

– Persone trasportate: 80.781

– Km percorsi: 2.987.471

– Ore di guardia notturna: 436.654

– Ore di guardia festiva: 158.596
di seguito il programma e i saluti del presidente Ardoino


About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…