Albisola, a scuola di macachi per il presepe della tradizione

Mancano ancora quattro mesi a Natale, ma alla Scuola comunale di ceramica di Albisola Superiore è già tempo di presepi. I laboratori ‘Mi faccio il presepe’ quest’anno sono anticipati ai mesi di settembre e ottobre. Per problemi organizzativi non ne sono previsti nei mesi di novembre e dicembre. L’iniziativa è dell’Ats U Vascellu, che gestisce la Scuola, e dell’Associazione Macachi lab, attiva nel valorizzare la tradizione del presepe albisolese, che metterà a disposizione, come docenti, le sue figurinaie. L’inizio dei primi corsi è previsto per lunedì 4 o martedì 5 settembre, con iscrizioni entro giovedì 31 agosto. A seconda del numero degli iscritti, sia nella sessione settembrina, sia in quella di ottobre, verranno proposti uno o più corsi a cadenza bisettimanale, ognuno di sei lezioni. Possibili soluzioni: lunedì e mercoledì oppure martedì e giovedì (le date di settembre 4 –6 – 11 – 18 – 23 – 25 o 5 – 7 – 12 – 19 – 21 – 26; quelle di ottobre 2 – 4 – 9 – 16 – 18 – 23 o 3 – 5 – 10 – 17 – 19 – 24) dalle 17 alle 19 o dalle 20 alle 22. 

Gli iscritti, partendo dalle tre statuine della Natività, più l’asino e il bue, realizzeranno personalmente, nel tempo, il proprio presepe. Le statuine, una volta completate, diventeranno di proprietà dei corsisti. Per informazioni e iscrizioni: Scuola comunale di ceramica, via alla Massa, Albisola Superiore; lunedì, mercoledì e venerdì 9-13, tel. 019-485785, o Macachi lab, 338-7034356, e-mail info@macachilab.it

A cura di Macachi lab, prende corpo, intanto, il programma ‘I giorni del presepe’ previsto per il mese di dicembre. Da venerdì 8 all’Epifania numerosi gli appuntamenti, a cominciare dalla mostra ‘Presepi dal mondo’ alla Fornace Alba Docilia di Albissola Marina. 

LA STORIA DEI MACACHI

In Liguria c’era una tradizione colta del presepe, realizzato soprattutto in legno, con figure di grandi dimensioni, che ebbe il suo massimo sviluppo nelle botteghe attive nel ’700 (Maragliano in primis), ma fu vietata dagli editti dell’età napoleonica. Ad Albisola, terra di ceramica, il presepe rinacque nella forma più povera, ad opera di chi, vecchie e bambini, per l’età, era fuori dal mondo del lavoro e doveva convivere con una diffusa povertà. Gli ingredienti non costavano nulla: un pugno di argilla di scarto, la lavorazione in casa, la cottura gratuita nei forni delle tante fabbriche di stoviglie (ad Albisola, a inizio ’900, ce n’erano più di 50). Le statuine, specie quelle più antiche, sono oggettivamente brutte, approssimative nei lineamenti e nei colori (fu per questo che i ceramisti in passato sprezzantemente le chiamarono così – “Macachi” –, tanto erano lontane dalle opere che nascevano dalla loro arte), ma cariche del sentimento e anche della fede di chi artista non si sentiva affatto, e le realizzava per venderle e rendere un po’ meno povere le feste di Natale. È una magia, quella dei Macachi, che ben si addice al periodo di Natale. Oltre due secoli di tradizione di presepe popolare si calano in una realtà albisolese in cui chi lavorava nelle fabbriche di pignatte o era addetto alle fornaci, era in fondo alla scala sociale. Le donne (madri, mogli e figlie) di chi operava nelle fabbriche di stoviglie, erano, se possibile, ancora più in basso. Erano le figurinaie, che realizzavano le statuine del presepe, così brutte e sformate da essere sprezzantemente chiamate “macachi” dai ceramisti. Eppure queste piccole opere hanno resistito al tempo, diventando un patrimonio a fortissima caratterizzazione locale. I Macachi fanno parte della tradizione, se non addirittura della storia di Albisola; non sono uguali, nello spirito e nella forma, a nessun altra tipologia presepiale, eccezion fatta per i “santons” provenzali, con cui le somiglianze sono tali che potrebbero portarli addirittura a un unico punto di partenza. Le statuine del presepe albisolese ebbero il loro boom nei primi decenni del secolo scorso, fino alla seconda guerra mondiale. Una tradizione che va avanti ancora oggi. 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…