Albissola e Arenzano, gemellaggio nel nome di Salino e del suo Presepe

Gran finale giovedì 29 giugno alla Fornace Alba Docilia di Albissola Marina delle iniziative dedicate a Eliseo Salino. Protagonista della serata il Presepe di Arenzano, che l’artista realizzò tra il 1968 e il 1971. Sarà presente padre Davide del Santuario Bambino Gesù. In Fornace, la mostra “Eliseo racconta Salino” prosegue fino a domenica 2 luglioIl Presepe di Arenzano, che ha la sua sede presso il Santuario del Bambino Gesù di Praga nel Comune del ponente genovese, è una delle opere più significative e più note di Eliseo Salino. L’artista albisolese lo realizzò quasi cinquant’anni fa, dal 1968 al 1971, e costantemente raccoglie la meraviglia e l’ammirazione dei tanti che lo visitano, singoli e gruppi, non solo nel periodo natalizio. Furono due religiosi del Carmelo di Arenzano a rivolgersi direttamente al maestro, dopo aver visto i suoi personaggi nella vetrina delle Ceramiche San Giorgio ad Albisola. Di lì nacque il progetto.

Al Presepe di Arenzano l’Associazione La Fornace dedica l’ultima delle quattro serate nel nome di Salino, che accompagnano l’apprezzatissima mostra di piatti e sculture in ceramica con cavalli, streghe e ‘famigli’ realizzati dall’artista. E’ la vigilia dell’ultimo week end dell’esposizione ‘Eliseo racconta Salino’ proposta dall’amministrazione comunale di Albissola Marina, e quindi la serata di giovedì è una delle poche occasioni che restano per visitare la mostra, che si concluderà domenica 2 luglio (orari di sabato e domenica: 10-12 e 17-19).

Ma torniamo al Presepe di Arenzano. Protagonista della serata, che si svolgerà presso la Fornace, nel centro storico di Albissola Marina, con inizio alle ore 21, sarà padre Davide del Santuario Bambino Gesù, assieme alla famiglia Poggi, che ha vissuto passo passo la realizzazione dell’opera. Così si conclude la serie di appuntamenti che l’Associazione che gestisce lo spazio museale ha voluto nel nome di Salino: i precedenti appuntamenti erano stati dedicati al ciclismo, sua grande passione, al racconto della vista in famiglia dell’artista e alla presentazione del progetto Streghe, uno dei temi a lui più cari. 

Nei mesi di luglio e agosto sono in programma la mostra ‘AlbiSolamente del nostro meglio’ dedicata alle botteghe artigiane albisolesi (inaugurazione venerdì 7 luglio, alle ore 18) e alle quattro iniziative intitolate ‘Fuori Fornace’. Serate speciali lunedì 10 luglio con ‘La parola agli artigiani’, giovedì 3 agosto con ‘Ceramiche di Savona – Albisola dal Medioevo all’età moderna’, a cura di Carlo Varaldo e mercoledì 30 agosto con la presentazione del libro ‘I 400 anni di Albisola’, con Gianni Venturi e Silvia Sabatini.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…