Alla scoperta di Genova e dintorni con Enjoy Genova

Un viaggio nel tempo alla scoperta della porta Soprana di Sant’Andrea, un tuffo nell’antico ghetto ebraico, una visita alla retrospettiva di André Kertész, grande maestro della fotografia del Novecento, un percorso guidato alla casa di Cristoforo Colombo e una gita fuori porta a Sestri Levante per conoscere la miniera nascosta di Castiglione Chiavarese. Ecco alcuni appuntamenti di aprile firmati Enjoy Genova, il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici della Liguria in compagnia di esperti e archeologi, a cura di Cooperativa Archeologia.

Si parte sabato 7 con un viaggio nel tempo sotto la guida di Ferdinando Bonora per conoscere il più importante tra i varchi monumentali che nei secoli protessero la città di Genova: la porta Soprana di Sant’Andrea. Nella sala conferenze del Museo di Sant’Agostino, si scopriranno i segreti della sua costruzione alla metà del XII secolo, per proseguire con una passeggiata lungo le Mura del Barbarossa, la salita sulle torri della Porta e il percorso lungo il camminamento di ronda, di solito in gran parte inaccessibile. In programma anche altre tre “conferenze itineranti”: la prima mercoledì 11, dedicata a San Silvestro Papa, al quale nel Medioevo, venne intitolata la chiesetta all’interno della residenza fortificata del vescovo, sulla vetta della Collina di Castello. Oggi, dopo varie vicissitudini, tra cui la distruzione a causa dei bombardamenti nella seconda guerra mondiale, al suo posto sorge parte della Facoltà di Architettura; la seconda sabato 21 con annessa visita guidata alla casa di Cristoforo Colombo, e infine la novità prevista per sabato 28 tra Sarzano e dintorni dove i moderni Giardini Luzzati si aprono in una zona che per secoli fu periferia dell’antica Genova e che oggi, pur trovandosi in pieno centro cittadino, mantiene il carattere di affascinante e tranquilla area marginale.

Domenica 8 torna invece il percorso nell’antico ghetto ebraico di Genova, un’occasione per ripercorrere la storia di un quartiere carico di memoria ed emozioni. Ci si concentrerà in particolare nella zona del “primo ghetto”, inaugurato nel 1660 tra piazzetta Fregoso, vico del campo e vico Untoria ancor oggi “contenitore” di tante storie diverse, ma eguali nella loro drammatica esclusione. Si prosegue con unaspeciale iniziativa dedicata alla fotografia. In programma sabato 14 aprile, la visita condotta dal otografo professionista, Matteo Mac Niccolai, alla retrospettiva a Palazzo Ducale dedicata al grande maestro della fotografia del Novecento, André Kertész.  Attraverso un excursus delle sue opere, lungo oltre 50 anni di carriera, si affronterà un viaggio nel “quotidiano”, di quello che poteva sembrare banale prima che l’artista gli donasse uno sguardo nuovo, dentro le luci, le ombre e le distorsioni del grande fotografo.

Ad arricchire la proposta di Enjoy Genova, due proposte fuori porta: domenica 15 torna l’appuntamento mensile all’antica citta romana di Luni, con laboratori e visite guidate per famiglie. Ogni mese viene proposto un laboratorio diverso, questa volta si tratterà di “Tabula cerata. Discepoli e maestri nell’antica Luna”, per vivere insieme una giornata come gli scolari dell’antica Roma; mentre mercoledì 25 sarà possibile visitare il MuCast, Museo archeominerario di Castiglione Chiavarese, allestito nella ex-scuola della frazione Masso. Grazie alla presenza di una guida sarà possibile ricostruire la storia della produzione mineraria, calandosi nell’Età del Rame, toccando l’epoca tardoantica/bizantina e arrivando fino all’età moderna, in un’area che ha più di 5000 anni di storia raccontati tutti in questo particolarissimo museo.

Chiude il mese, domenica 29, un grande classico: la visita guidata alla riscoperta di Villa del Principe, la più vasta e sontuosa dimora nobiliare della città di Genova e del Borgo e delle mura di S. Tomaso. Uno scrigno pieno di tesori nascosti con affreschi, stucchi, arazzi, quadri, arredi intatti, che consentono ai visitatori di fare un vero e proprio salto indietro nel tempo in un meraviglioso Rinascimento.

Ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 335 1278679 e a enjoygenova@archeologia.it Per ulteriori informazioni www.enjoygenova.it. A tutti i partecipanti sarà distribuita la fidelity card per collezionare i timbri e ottenere una visita gratuita.

 

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...