Alla Tosse vanno in scena le operette di Leopardi

Dal 6 all’8 aprile alle 20.30 al Teatro della Tosse di Genova va in scena De Revolutionibus. Sulla miseria del genere umano, tratto da due operette di Giacomo Leopardi, di e con Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi, scene e costumi Cinzia Muscolino, scenotecnica Pierino Botto, Disegno Luci Roberto Bonaventura, assistente alla regia Veronica Zito 

In scena due attori con un carro di Tespi, in una partitura raffinata di gesti e parole, giocano i personaggi di due Operette Morali di Leopardi, per portare amare e ironiche riflessioni sulla nullità del genere umano. Uno spettacolo sulla “miseria” intesa come valore e insieme condanna. Rivoluzione e miseria sono parole che riempiamo di una natura ambigua e paradossale, nell’unica certezza di volerci aggrappare al teatro, fatto di piccole cose, ma capace di grandissime riflessioni sul potere dell’uomo di ribellarsi e, dunque, ritrovarsi. Passeggiando con il Maestro della più amara e saggia ironia, ci disperdiamo giocando con scenari che danno largo all’immaginazione, sperando di far scivolare il pubblico nella finestra di questo “oltre” che ancora in vita ci rimane e che può, con i suoi scherzi, renderci partecipi rivoluzionari del Sentimento del Sublime. Spettacolo Vincitore Teatri del Sacro 2015. Biglietti a 14 euro

 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…