All’Acquario si parla dei problemi dell’Africa

Mercoledì 8 marzo alle 17, all’Acquario di Genova, a conclusione del ciclo di incontri dedicati all’Africa, con innumerevoli visioni di spettacoli straordinari, è venuto il momento di riflettere sugli uomini e le donne che abitano quello che a noi sembra un paradiso, ma che non hanno di che vivere. Si cercherà dunque di ragionare insieme su quanto si può fare e quanto si sta già facendo per aiutare gli africani a vivere nelle loro meravigliosa, ma difficile terra, invece di imbarcarsi per incerti e tragici destini.
Lo si farà con il prof. Edoardo Berti Riboli, Professore Emerito di Chirurgia Generale presso l’Università di Genova, presidente del Consorzio SPeRA (Solidarietà, Progetti e Risorse per l’Africa), costituito di circa 40 associazioni no profit che operano in vari paesi dell’Africa, quali l’Etiopia, il Ruanda, la Guinea, il Senegal, il Kenya, Benin, Senegal, Sierra Leone. Nel corso dell’incontro saranno presentati, anche con l’ausilio di immagini, alcuni significativi progetti già in corso da anni, tutti tesi non tanto ad assistere le popolazioni africane, quanto a incentivare lo sviluppo e a rendere le persone più “attrezzate” (perfino tecnologicamente) a superare le gravi difficoltà ambientali.
Gli interventi saranno di medici, ingegneri, informatici, ed altri rappresentanti delle diverse realtà afferenti al Consorzio, tra cui lo stesso Edoardo Berti Riboli – Associazione Medici per l’Africa; Riccardo Giani – Associazione. Bambini Cardiopatici nel mondo; Flippo Pongiglione – Associazione PS76 ( Programma Sviluppo 76 Onlus); Maria Pia Caprini – Associazione Cooperativa Minerva Onlus; Andrea Rudelli – Associazione Informatici senza frontiere; Bin Kazadi Mulumba – Ass Mabota. Durante la conferenza sarà possibile acquistare dall’Associazione “12 scatti, ONLUS” uno splendido calendario naturalistico il cui ricavato andrà a favore di progetti di sviluppo per l’Africa. L’incontro è a ingresso libero 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…