All’Acquario tracce di matematica nella natura e nell’arte

Mercoledì 30 novembre alle 17 nell’Auditorium dell’Acquario di Genova quinto incontro del ciclo “Tracce sul pianeta” organizzato dagli Amici dell’Acquario in collaborazione con l’Acquario e con la Scuola di SMFN dell’Università di Genova. Il tema “Le tracce della matematica nella natura e nell’arte” sarà trattato da Lucia Pusillo, docente di matematica all’Università di Genova e da Giovanna Rotondi Terminiello, già sovrintendente ai beni culturali, artistici e storici della Liguria. “Il linguaggio creativo, nell’arte – afferma Terminiello – si esprime anche attraverso la rielaborazione di figure geometriche e un equilibrio proporzionale tra le parti e il tutto, che determina risultati di bellezza estetica raggiunti, come riconosciuto dai matematici, attraverso intuitivi rapporti di corrispondenza”.“Si dice spesso che c’è bellezza nella Matematica – le fa eco Pusillo – ma è vero anche che c’è molta Matematica nella bellezza. Cosa hanno in comune la disposizione dei semi di un girasole, un ippocampo, la conchiglia di un Nautilus e il Partenone o l’Abbazia benedettina di Melk in Austria, la nostra carta di credito e la nascita dei coniglietti? Lo scoprirete, come un giallo di Agatha Christie, nella conferenza a 2 voci di mercoledì 30 novembre all’Auditorium dell’Acquario”.

L’incontro è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Il ciclo proseguirà con il seguente calendario:
Mercoledì 7 dicembre, ore 17
“I segni dell’informatica: da Alan Turing ai giorni nostri”

Relatore: giuseppe Rosolini, DIMA-DIBRIS, Università di Genova

Mercoledì 14 dicembre, ore 17
“I segni che lascerà sul pianeta l’attuale civiltà”

Relatori: Giancarlo Albertelli, professore ordinario di Ecologia, DISTAV, università di Genova, e Mario Petrillo, ricercatore DISTAV, Università di Genova.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…