Balàzs Berzsenyi, ungherese di nascita ma ligure di adozione

Lo scultore ungherese Balazs Berzsenyi ha scelto la Liguria come sua dimora, affascinato dal clima, dal mare, dalla cordialità di alcuni amici e soprattutto dal “mito” dell’Arte italiana. Attirato dagli artisti del passato, quali Michelangelo, Leonardo e Donatello, ha lasciato la sua terra natia per affondare solide radici nella nostra Liguria. Da circa vent’anni abita infatti nel piccolo centro di Verzi di Lorsica, in Val Fontanabuona, nell’entroterra di Rapallo, a soli cinquanta metri dalla casa del suo amico e scultore Giuseppe De Carlo.

Tutt’ora sta lavorando ad alcune opere in marmo ed in metallo per la nuova chiesa di Sant’Anna a Rapallo, ideata dall’architetto Luciano Maggi (in collaborazione con Cesare Lacca), che in realtà è già stata inaugurata alla presenza del vescovo diocesano Alberto Tanasini il 23 luglio 2016.

Nuova Chiesa di Sant'Anna a Rapallo

La nuova Chiesa di Sant’Anna a Rapallo

Ciò che ci ha positivamente colpito è il fatto che uno scultore come lui, di stile astratto, sia stato selezionato per la realizzazione di un progetto così “tradizionale” come l’allestimento scenografico ed artistico di una parrocchia.

Invero oggi anche i luoghi di culto seguono le tendenze artistiche del momento, suscitando non poche polemiche tra i fedeli e la comunità.

Osservando le forme curvilinee del crocifisso in bronzo ed acciaio, dell’altare in marmo bianco, del seggio e del tabernacolo, collocati in una prospettiva allineata e ascensionale, quasi a simboleggiare la resurrezione, ci si sente veramente “liberi” di seguire il proprio pensiero religioso, senza i rigidi vincoli formali del passato.

Anche il portone d’ingresso, realizzato in bronzo e altri metalli, è opera sua. Nella sua maestosità richiama il sentimento dei fedeli verso la grandezza dell’Eterno.
Il lavoro di Balazs, insieme alla scelta di affidare a lui questo progetto, collega l’universalità dell’Arte alla nostra Liguria, terra d’amare.

Biografia
Nato a Budapest nel 1960.
Dal 1996 vive e lavora come scultore in Val Fontanabuona (GE)
Ha partecipato a varie mostre in diversi paesi e sue opere si trovano in parchi e musei in Ungheria, in Italia, in Spagna, in Francia e in Perù.

About the Author

Carmen Spigno

Pittrice con terre e resine naturali e da anni attiva operatrice nel campo artistico.
Letteralmente affascinata dagli incredibili colori delle terre, si dedica da tempo alla pittura con i pigmenti naturali. In questa, attraverso i “segni” e i “graffiti” e tramite i colori incontaminati della terra, emergono l’amore per la natura e le inquietudini spirituali del nostro tempo.
L’artista vive e lavora in Liguria, dove ha lo studio e la mostra permanente delle proprie opere a Garlenda (SV).

Comments are closed.