Bergeggi, riapre Claudio ma in cucina “guida” Lara. Con nuovi piatti e bollicine Franciacorta

Ci sono persone che confermano l’ereditarietà del genio. Lara Pasquarelli è una di queste. Ormai da anni ha preso in mano le redini della cucina di Claudio (il padre, brillante stella Michelin ma anche vulcanico imprenditore turistico) mentre il fratello Christian continua a guidare con sapienza cantina e sala. Non che Claudio si sia rassegnato alla pensione, ma certo non è più il re incontrastato del complesso turistico di Bergeggi che, proprio in questi giorni, riapre dopo la pausa invernale. Mercoledì 5 aprile il locale ospita Sparkling Menu, la Genialità in Rosa, una sorta di gara del gusto con protagoniste le donne chef, con i loro piatti abbinati alle bollicine di Villa Franciacorta. Lara presenterà un menù degustazione a base di coquillage e crostacei, pesce azzurro e la novità del 2017: la Cataplana del Mar Mediterraneo. Aperitivo con il Saten, e abbinamento piatti con la Cuvette e il Rosè dell’azienda Villa Franciacorta. Serata vini inclusi 100 euro per persona e per chi avrà il piacere di fermarsi a Bergeggi, Junior Suite al prezzo speciale di 100 euro colazione inclusa.

Questo il comunicato di Villa Franciacorta che racconta l’iniziativa:

Villa Franciacorta, l’azienda vinicola guidata da Roberta Bianchi e Paolo Pizziol, ha presentato alla propria Rete vendita, nel corso della riunione del 27 febbraio scorso, le linee guida del prossimo Sparkling Menù, la manifestazione di successo che, da oltre dieci anni, contribuisce alla valorizzazione delle bollicine di Franciacorta, servite a tutto pasto. Trampolino o riconferma per molti chef, famosi od emergenti (ricordiamo quanti hanno ricevuto la stella Michelin dopo avere vinto allo Sparkling: due nomi per tutti, Enrico Bartolini, che prese la seconda stella, e Giuliano Baldessari, Aqua Crua, quest’ultimo affermatosi nell’edizione 2015), Sparkling Menù continua sulla strada dell’innovazione. Fra le novità in vista, la declinazione tutta al femminile dell’evento che, per la prima volta, coinvolgerà nelle selezioni esclusivamente “chef donna”, chiamate a realizzare nei propri ristoranti piatti gourmet in cui l’abbinamento con Cuvette Franciacorta sia corretto ed equilibrato, per non dire perfetto. L’imponente lavoro di selezione da parte della giuria partirà a maggio e durerà per oltre un anno: culminerà poi con la finale, a settembre 2017, presso la cantina storica nel suggestivo Borgo di Villa, a Monticelli Brusati (Bs), nel corso di una serata che si preannuncia memorabile (come del resto quelle delle passate edizioni, che hanno assegnato importanti riconoscimenti a chef di indubbio valore). L’impegno di Villa nella valorizzazione della femminilità a tutto campo è peraltro risaputo: già con Villa in Rosa, l’evento biennale (che si alterna allo Sparkling) voluto da Roberta Bianchi per restituire valore alla donna che opera in ambito vitivinicolo, si era posto l’accento sulla “professionalità in rosa”. Insieme alle donne chef, Sparkling 2017 valorizzerà anche il momento dell’aperitivo, realizzato al femminile: le giurie andranno infatti a selezionare (e a portare in finale) la migliore gestione rosa di locale (wine bar, bar tradizionale, lounge bar ecc.) che proporrà appetizer e stuzzichini di qualità in abbinamento al Satèn, un altro gioiello della gamma Villa. Dunque, chef attive nell’offerta di ristorazione gourmet ma anche professioniste impegnate nella valorizzazione di un momento di consumo, l’aperitivo, spesso banalizzato da un’offerta food inadeguata. Uno Sparkling Menù 2017 concentrato sulla scelta di professioniste capaci di esprimere al meglio quel Made in Italy che tanto ci invidiano nel mondo. Le giurie sono già all’opera e a breve partiranno le prime prove. Il mondo dell’informazione verrà aggiornato periodicamente con comunicati stampa ad hoc: seguite insieme a noi le “donne Sparkling” che saranno le protagoniste del migliore abbinamento fra le bollicine di Villa e le loro più succulente e raffinate creazioni! 

Giovedì 6 aprile, invece, Lara e Da Claudio propongono “Il Vento e il Mare di Bretagna a Bergeggi”, cena con degustazione di ostriche fine de belon e le famose piatte “0” “00” e “000”, tartufi di mare, coquillages, crostacei, lumachine di mare, piè d’asino, alghe affinate nel Belon con le specialità marine più ricercate al mondo come l’abalone (mollusco protetto che viene pescato in pochi esemplari numerati), il king crab della Manica, granseola e granciporro Bretoni, i percebes. Abbinamento a vini dedicati alla proposta culinaria: bollicine, il “classico” muscadet Sevre et Maine della Loira che si confronterà con i nostri prestigiosi bianchi del Collio del Friuli. Serata vini inclusi 80 euro per persona e per chi avrà il piacere di fermarsi a Bergeggi, Junior Suite al prezzo speciale di 100 euro colazione inclusa.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…