Canzoni e tartufi, a Montà d’Alba un successo le trifule in musica

Claudio Porchia, giornalista ed enogastronomo, ha seguito la terza edizione del festival canoro dedicato al tartufo a Montà d’Alba. Questo il suo resoconto. 

Il coro Stella Alpina con la canzone popolare “La trifola”, si aggiudica il premio della critica e quello del pubblico. Alla canzone “Tartufi truffle trifola” interpretata dal cantante istriano Sergio Pavat, il premio speciale della giuria dei Trifolao montatesi 

Il festival, presentato da Bruno Gambarotta, ha visto esibirsi sotto gli occhi e le orecchie attente del maestro Peppe Vessicchio otto concorrenti: Giuseppe Calorio «Peto» con il brano «La trifola» e, con un pezzo dallo stesso titolo, anche il Coro Stella Alpina e le Raviole al vin. Poi, Luigi d’Alba con «Leon», i Belaben che hanno cantato «Trifolao ‘ndignà», Aldo Batti con «Viva la trifola ca custa niente» ed a conferma del carattere internazionale della manifestazione, dalla Germania i “Russ d’euv” con la canzone «L’oro di Alba» e dall’Istria Sergio Pavat con «Tartufi truffle trifola».

In platea tantissimi spettatori, molti sostenitori dei concorrenti in gara e in prima fila anche Giorgio Conte e i Fratelli La Bionda, che hanno chiuso la manifestazione con una breve ma applauditissima esibizione ed ai quali è stato consegnato un premio speciale alla carriera. Presenti tantissimi i sindaci della zona, il senatore albese Tomaso Zanoletti e Antonella Parigi, assessore alla cultura della regione Piemonte, insieme a Luciano Bertello, ideatore del festival, che è stato lungamente applaudito per il successo di questa manifestazione che cresce di anno in anno per importanza anche a livello internazionale e sta realizzando importanti sinergie e amicizie tra le regioni tartufigene d’Europa.

L’originale gara canora, realizzata in collaborazione con la Fondazione Casa del Tartufo bianco d’Alba, .si è aperta con Massimo Favo, che ha eseguito alcuni brani del celebre fisarmonicista di Castino, Michele Corino, famoso in tutto il mondo e scomparso di recente; grande successo anche per le incursioni del comico Franco Rossi, il corsaro della polka della trasmissione “Colorado cafè”, che ha divertito il pubblico con la sua esibizione per l’occasione dedicata al tartufo; interessanti le interviste ai trifolao montatesi sul tema della ricerca notturna e dei suoi rituali che si sono proiettate sul grande schermo del palco alternate ai cantanti in gara. Prima della premiazione il maestro Peppe Vessicchio, maestro protagonista di tanti Festival di Sanremo, ha parlato del rapporto fra la musica e le piante. Tre le giurie presenti al concorso canoro: Il coro Stella Alpina è stato riconosciuto come vincitore sia dalla giuria popolare formata dal pubblico e sia da quella critica, formata da giornalisti ed esperti che ha assegnato il premio “Sapin d’or”; infine quella dei trifolao che ha assegnato il premio speciale all’istriano Sergio Pavat.

Il sindaco di Montà ha chiuso questa manifestazione, che intende richiamare l’attenzione su un aspetto poco noto della storia del tartufo, e cioè la sua presenza nelle canzoni popolari dei cantastorie di Langhe-Roero e Monferrato, dando appuntamento al prossimo anno, sempre a fine ottobre sempre a Montà.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…