Il chinotto di Savona sposa le aromatiche della Riviera in un nuovo cocktail analcolico ideato all’Alberghiero

Un aperitivo analcolico con le eccellenza della Riviera. E’ quanto creato, nell’Anno del cibo italiano nel mondo, su indicazione del presidente di Confagricoltura Liguria Luca De Michelis, dai giovani barman e barlady dell’alberghiero di Alassio sotto la direzione della docente Stefania Violino. Una bevanda che  combina in modo sapiente il nettare e il frutto sciroppato di chinotto delle aziende Parodi e Pamparino: salvia, rosmarino, timo e timo al limone con effervescenza del ginger ale Fever–Tree.

Una bevanda analcolica, dissetante, ottima come aperitivo e digestivo che, grazie alle proprietà officinali delle aromatiche, svolge anche un’azione depurativa. Il pestato ai profumi di Liguria è stato realizzato attraverso la fondamentale partnership tra scuola e territorio e grazie a: Velier S.p.A. Genova, Azienda Floricola Enrico Learco di Albenga, Azienda Agricola Vivaistica Pamparino Vincenzo “Sensu”di Finale Ligure e Azienda Agricola Giacomo Parodi di Finale Ligure.

“Questa iniziativa – commenta Luca De Michelis, albenganese, presidente di Confagricoltura Liguria – consolida il legame tra la scuola e la nostra associazione, un’alleanza che ci ha già visto protagonisti nella valorizzazione delle nostre eccellenze vitivinicole per la IX edizione del Memorial B. Marchiano. Una collaborazione che ha già dato importanti risultati nel campo della didattica e della formazione dei futuri maître con il premio sommelier emergente A.I.S. Liguria – Lions Club Baia del Sole Alassio realizzato con i vini delle cantine Zangani, Spagnoli e Bosoni”.

“L’auspicio è quello di formare una nuova classe di promotori ed ambasciatori del nostro agroalimentare, capaci, attraverso uno storyrtelling efficace, di raccontare la nostra cultura del cibo e le nostre tradizioni” è il commento di Monica Barbera e Franco Laureri del Centro Studi sul Turismo dell’Alberghiero di Alassio.

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...