Cicciolin, il re del Carnevale


Oggi è la prima giornata di Carnevale e parliamo di Cicciolin l’unica maschera ligure iscritta all’albo ufficiale delle maschere italiane al pari dei più famosi Arlecchino, Pulcinella, Balanzone. È la maschera di Savona ma, in effetti, la è di tutta la provincia e, perché no, della Liguria. Sotto la splemdida stoia di Cicciolin scritta da Silvia Bottaro per il sito dell’associazione Aiolfi.



Il 24 gennaio 1953 il ceramista e pittore Romeo Bevilacqua (1908-1958) presentava, ufficialmente, la maschera savonese e della Provincia “Cicciolin”, donata dallo stesso all’Associazione “ A Campanassa “ con atto notarile. Tale maschera, che rappresenta un marinaio, e’ stata da subito elevata al rango di Re del Carnevale di Savona. Ha sette figli con sette mogli diverse uno per ogni porto, di aspetto burbero ma di animo nobile e generoso, furbo, mai servile né pedante, porta al collo tre collane: una di colore verde che rappresenta le nostre colline, una di colore marrone che rispecchia la nostra Terra e una di colore azzurro che simbolizza il nostro mare. Questa maschera  e’ inserita nell’albo ufficiale delle 50 maschere italiane e ha un seguito composto dalla dama ” A Signua “ dalle damigelle, dalle popolane, dal mazziere , dal giullare, e dai suoi marinai. Bevilacqua iniziava la descrizione di questa sua “creatura” così: “ Cicciolo è l’appellativo, un po’ scherzoso a volte maligno, e non sempre usato a proposito per indicare il tipo di Savonese in genere…”.  Vantava una discendenza “illustre” da Cristoforo Colombo, all’inizio la sua professione era pignattaro, poi creatore di ceramiche, infine marinaio e commerciante. 


Negli anni Cinquanta del Novecento Sua Maestà Cicciolin, Re del Carnevale, arrivava in notturna tdal mare, alla Torretta, dove riceveva le chiavi della Città dal Sindaco per governare nel segno del sorriso e dello scherzo. Ogni anno era composto un inno diverso, lo stesso per i maestosi carri (ancora presenti nel ricordo vivido di molti Savonesi tra cui chi scrive) che procedevano per le vie del centro coperte da un tappeto di coriandoli colorati e da un gran frastuono. Molte bande musicali accompagnavano la sfilata con gruppi di maschere e complessi folcloristici. Ogni anno si ospitavano compagnie da altre Città – Torino, Mondovì, ecc..- e Renzo Aiolfi, visto il suo incarico di Assessore del Comune di Savona, era sempre in prima fila col Sindaco del tempo a ricevere e consegnare le artistiche ceramiche quale omaggio agli ospiti, in un clima di grande partecipazione ed allegria. C’era anche la rivista ufficiale del carnevale, edita dai Fratelli Spirito e dai Fratelli Sabatelli, dove, per esempio, nel 1955 la copertina era stata creata da Piero Vado con un Pierrot che srotolava il manifesto ufficiale dell’edizione, opera del grande cartellonista savonese Mario Bonilauri.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…