I colori esuberanti di Dana Santamaria al Pozzo Garitta di Albissola Marina

Iniziamo questo nuovo anno presentando un’artista, la pittrice Dana Santamaria che inaugurerà, con la mostra che porta il suo nome, la stagione 2017 del Circolo degli Artisti di Albissola Marina negli spazi di Pozzo Garitta 32.

Mercoledì 4 gennaio 2017, alle 17.00, il vernissage quindi della mostra, un po’ di piacevole e buona musica a cura di Silvia Schiaffino, al flauto traverso, e Renato Procopio, alla chitarra, in improvvisazioni live ed un accattivante buffet, per vivere insieme questo inizio d’anno nel segno dell’arte e della cultura.

Lo spazio espositivo resterà aperto tutti i giorni dalle 16.00 alle 19.00. Sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00.

Con l’esuberanza dei suoi colori e con la proposta di immagini anche consuete, ma interpretate in modo tanto originale da apparire quasi provocatorio, Dana Santamaria, si presenta in perfetta sintonia con l’obiettivo dell’associazione artistica, ovvero proporre sempre nuovi talenti e nuove esperienze nel segno della continuazione del noto fervore artistico albissolese.

Il Circolo

Ma spendiamo due parole sullo storico Circolo degli Artisti di Albissola Marina, che affonda le radici negli ormai lontani anni ’50.

Fin dalla sua costituzione, (anni ‘50 del secolo scorso) il Circolo degli Artisti si è proposto di offrire ai cittadini locali le esperienze di quella colonia di grandi artisti (praticamente il “summa” europeo) che avevano scelto Albisola come tappa o addirittura mèta del loro percorso. La vicinanza poi con Vallauris, dove si era insediato Pablo Picasso, alimentava ulteriormente questo fervore di arte e cultura. Fu quindi automatico sia un orientamento all’offerta, proponendo nuovi talenti o comunque esperienze di nuovi artisti, sia rispondendo alla sempre più incalzante domanda di poter ammirare opere di artisti famosi, avvicinandoli anche occasionalmente ad Albisola. I nomi di questi sono notissimi, basta elencare coloro che hanno disegnato i bozzetti per i mosaici dei pannelli del Lungomare cosiddetto degli Artisti, quali Fontana, Jorn, Lam, Sassu, Fabbri e poi Elde, Carlè, Vandercam,

L’associazione venne fondata nel 1956 con la spinta organizzativa di Adolfo Testa, giovane segretario del PCI di Albissola nonché assessore alla cultura, con l’alta consulenza dell’allora già affermato Aligi Sassu, anch’egli impegnato nell’amministrazione locale e con il patrocinio dell’illuminato primo cittadino di allora Pippo Ciarlo. Un’associazione senza scopo di lucro cui aderirono spontaneamente numerosissimi artisti, sia famosi che sconosciuti, maturi e giovanissimi, tutti impegnati perché si realizzassero i principi ispiratori del cenacolo artistico.

Fu creato così un centro di approdo artistico-culturale che fortunatamente è divenuto anche punto focale di diffusione delle “esperienze” e delle “scuole” d’arte, spesso di livello internazionale.

Dopo la ricorrenza del 60° anniversario della fondazione dell’associazione nel 2016, continua così la stagione artistica di Albisola, nella certezza che anche per il futuro, grazie all’apporto del Circolo degli Artisti, grazie all’infaticabile attività di Antonio Licheri e di altri volontari, tanti artisti da tutto il mondo proveranno l’emozione di “sporcarsi le mani con la nostra terra”.

È infatti convinzione del Circolo che è vocazione della “nostra gente” quella “di mettere le mani nella terra, di lavorarla, di modellarla, di disegnarla e di dipingerla”.

Per saperne di più

La prima collettiva fu organizzata nel lontano 1957 e coinvolse personalmente Lucio Fontana, Aligi Sassu, Agenore Fabbri, Mauro Reggiani e Antonio Siri. Da allora è stato tutto un susseguirsi di esposizioni di artisti italiani e stranieri, giovani o già affermati fra i quali Asger Jorn, Ansgar Elde, Camilli, Emilio Scanavino, Giannici, Parini, Cherchi, Dangelo, Josè Ortega, presentato da Mario de Micheli. Altri importanti appuntamenti furono la doverosa commemorazione per il centenario della nascita di Wifredo Lam, la retrospettiva di Pietro Gatti, il ricordo di Stelio Rescio del “Brandale” e la personale di Carlos Carlé al Palazzo Ducale di Genova, grazie alla ospitalità della Fondazione Cristoforo Colombo, quella di Aurelio Caminati e, sempre nel 2005, quelle di Carlo Pizzichini e Serge Vandercam.

Nel 1996 viene inaugurato l’attuale sede del Circolo che si colloca oggi in una antica fornace del XIX secolo in un fabbricato della fine del ‘500, completamente ristrutturata a spese dei soci ed adibita quindi a sala esposizioni.

Nel corso di oltre 50 anni di attività furono proposte agli appassionati le opere di oltre 1000 artisti in almeno due collettive ogni anno ed altre importanti iniziative che spaziano dal teatro, alla musica, alla letteratura.

web www.circoloartistialbisola.it
mail circ.artistialbisola@libero.it

 

About the Author

Carmen Spigno

Pittrice con terre e resine naturali e da anni attiva operatrice nel campo artistico.
Letteralmente affascinata dagli incredibili colori delle terre, si dedica da tempo alla pittura con i pigmenti naturali. In questa, attraverso i “segni” e i “graffiti” e tramite i colori incontaminati della terra, emergono l’amore per la natura e le inquietudini spirituali del nostro tempo.
L’artista vive e lavora in Liguria, dove ha lo studio e la mostra permanente delle proprie opere a Garlenda (SV).