Contributi regionali per gli eroici negozi dell’entroterra

Frantoio Bronda, il punto vendita

Un bando regionale per sostenere e valorizzare le botteghe dei comuni non costieri e preservare il loro valore sociale. Ecco come accedere ai contributi a fondo perduto.

Si apre dal 18 giugno al 31 luglio il bando dedicato alle piccole imprese commerciali dell’entroterra. Si tratta della terza iniziativa dedicata alle botteghe dei comuni non costieri che già in passato hanno potuto beneficiare dei contributi per salvaguardare queste realtà per il carattere di presidio sociale che esse assumono. I contributi, a fondo perduto nella misura del 40% dell’investimento ammissibile, sono pari a 1 milione di euro e la dotazione è stata suddivisa per territorio provinciale in base al numero delle imprese esistenti come segue:

  • Genova 520.000 euro
  • Imperia 160.000 euro
  • La Spezia 120.000 euro
  • Savona 200.000 euro

Inoltre, la percentuale dell’investimento ammissibile è incrementata nella misura del:

  • 10% per gli interventi realizzati dalle imprese nei Comuni con popolazione residente non superiore ai 1000 abitanti
  • 15% per gli interventi realizzati da imprese costituite da persone di età non superiore a 35 anni.

Sono agevolabili le iniziative con investimenti non inferiori a 5.000 euro e non superiori a 20.000 euro.

La domanda di contributo deve essere spedita a FILSE via PEC o a mezzo di raccomandata postale con avviso di ricevimento.

Bando Botteghe dell’entroterra 2018

 

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...