Contributi regionali per interventi ai muretti a secco

E’ diventato operativo il bando della Regione Liguria che concede aiuti economici per il ripristino dei muretti a secco che disegnano il paesaggio ligure. Secondo quanto stabilito dalla Regione possono essere finanziati, oltre agli interventi per il ripristino dei “muretti a secco” tradizionali per il sostegno di terreni in pendio, anche la costituzione di siepi, cespugli, alberi per ricovero o nidificazione di specie selvatiche, e ancora la realizzazione o recupero di piccoli invasi per fauna e flora selvatica e le recinzioni per specie di cui “alla direttiva 92/43 o la realizzazione di punti di osservazione in parchi, aree connessione ecologica, aree rete natura 2000”. Potranno beneficiare dei contributi sia le imprese agricole, singole o associate, gli enti pubblici, anche in forma associata, i proprietari e i gestori dei terreni, i partenariati misti fra enti pubblici e i soggetti privati titolari dei terreni. Lo stanziamento regionale è di 4 milioni di euro e il contributo non può essere richiesto per una quantità superiore a 200 metri quadrati per domanda ed è quantificato in 105 euro a metro quadrato di muro effettivamente ripristinato, pari al 100 per cento del costo standard. Il ripristino del muretto a secco crollato deve essere eseguito mantenendo le stesse caratteristiche originarie, con l’uso di materiali e secondo forme e tipologie costruttive tradizionali (senza cemento). Non saranno concessi aiuti per importi inferiori a 2 mila euro. Le domande devono essere presentate prima dell’avvio degli investimenti, attraverso un centro di assistenza tecnica (come quelli delle associazioni agricole) entro il 30 settembre 2016.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…