Genova, Guccini racconta mezzo secolo di storie

Cantare non canta più ma continua ad affabulare, raccontando le sue canzoni, i suoi libri, le sue storie di Appennino. Francesco Guccini, 76 anni, cantastorie secondo lui, alle 21 di lunedì 24 ottobre sarà sul palco del Teatro Carlo Felice di Genova. Guccio torna in scena dopo il successo del suo ultimo libro, «Un Matrimonio, Un Funerale, Per Non Parlar Del Gatto» e dell’ultima raccolta «Se io avessi previsto tutto questo – Gli amici, la strada, le canzoni», il racconto di una carriera attraverso inediti riscoperti, rarità, duetti, collaborazioni grandi successi e live mai pubblicati prima. Un viaggio lungo mezzo secolo, un legame tra la via Emilia e il West. Un viaggio, comunque, non ancora concluso visto che l’attività di scrittore prosegue eccome, così come prosegue la sua attività di curioso di linguaggi, dialetti, storie. Sul palco del Carlo Felice, così come negli altri appuntamenti (dal Tenco a Sanremo, al Colosseo di Torino domenica 23) Guccini è accompagnato da suoi Musici, i musicisti amici che lo hanno accompagnato nei suoi live: Juan Carlos Flaco Biondini (voce e chitarra), Vince Tempera (pianoforte e tastiere), Antonio Marangolo (sax), Pierluigi Mingotti (basso), Ivano Zanotti (batteria). Un live durato mezzo secolo tra le origini dell’Appennino, il rock, il liscio, i fumetti, i gialli, gli amori, il dopoguerra, il Limentra, Pavana, Modena, Bologna. Insomma, il mondo di Guccini Francesco, che poi per chi lo ha scelto come maestro, è il proprio mondo.Biglietti da 30 a 40 euro. 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…