Il basilico si fa bello sulla spiaggia di Albenga

Cominciata a Fior D’Albenga con un cooking show sul finger food con gli ortaggi della piana, si chiuderà di nuovo ad Albenga la campagna estiva di Spiagge Didattiche, il brand ideato dal Centro Studi sul Turismo dell’Alberghiero di Alassio per promuovere le eccellenze agroalimentari e la cultura del cibo tra i turisti che soggiornano in Riviera. Un progetto che ha visto attivarsi i giovani chef e maitre del “Giancardi”, guidati dai docenti e dagli esperti, che di volta in volta hanno portato il loro contributo di esperienza, come in febbraio sulle piste da sci della Valtellina dove è stato protagonista sempre il basilico genovese DOP con i testaroli al pesto.A concludere i percorsi didattici sotto l’ombrellone saranno due signore, Lorenza Giudice e Carla Simondo, affiancate dai giovani talenti dell’Istituto alberghiero F.M. Giancardi e dell’agrario D. Aicardi, che convoglieranno i turisti del lido Miramare di Albenga in due laboratori: il basilico genovese DOP nella cucina creativa a cura della food blogger, e l’arte del bouquet a cura della socia di Campagna Amica. L’iniziativa rientra nella campagna di promozione del Basilico Genovese D.O.P. #basilicogenovesedop, finanziata dal programma di sviluppo rurale 2014 – 2020 del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale ed è patrocinata dall’Assessorato all’Agricoltura del Comune di Albenga con il sostegno del Consorzio di basilico genovese DOP, di Coldiretti Savona e dell’azienda agricola Le Roveri di Albenga. 

L’evento vedrà impegnati gli alunni del progetto “Laboratorio Permanente delle Eccellenze” coordinati dai docenti Giuseppe Rossi, Mariella Gaudenti, Monica Barbera, e Franco Laureri, con il supporto dell’ufficio stampa del comune di Albenga. “L’iniziativa – afferma l’assessore Mariangelo Vio – rappresenta l’esempio perfetto del prodotto testimonial del territorio: l’eccellenza delle produzioni agroalimentari promosse in riva al mare con una sinergia tra i due comparti turismo ed agricoltura che vede protagoniste le nuove generazioni di chef, futuri ambasciatori delle nostre produzioni agricole in Italia ed all’estero”.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…