Il Beigua, un museo naturalistico a cielo aperto 

Il Geoparco del Beigua partecipa al Festival della Scienza di Genova con un laboratorio didattico a tema geologico ed archeologico, in collaborazione con il Museo di Storia Naturale Giacomo Doria di Genova, per descrivere i simboli lasciati sulle rocce del comprensorio del Beigua dai suoi più antichi abitanti. Segni è la parola chiave scelta dal Festival della Scienza come fil rouge della XIV edizione della manifestazione, che dal 27 ottobre al 6 novembre animerà Genova con un fitto calendario di appuntamenti dedicati alla divulgazione scientifica. Nell’era della comunicazione digitale immediata, sintetica e leggera, ormai così diffusa anche tra i piccoli, il Geoparco del Beigua torna alle radici del linguaggio, alle prime forme di comunicazione scritta sviluppate dall’uomo nella preistoria e che oggi rappresentano un patrimonio di grande valore archeologico da far scoprire ai più giovani. Fin dalla sua comparsa sulla Terra l’uomo ha voluto lasciare tracce del proprio passaggio per raccontare la sua storia e tramandare le sue esperienze, utilizzando i supporti e le rudimentali attrezzature che aveva a disposizione. Da qui traggono origine i segni lasciati sulle dure rocce ofiolitiche del Beigua: simboli misteriosi che raccontano di vita quotidiana e di antichi rituali religiosi. E i piccoli archeologi che parteciperanno al laboratorio didattico promosso dal Beigua Geopark in collaborazione con gli educatori dell’ADM Associazione Didattica Museale Genova e il Museo di Storia Naturale Doria di Genova, impareranno ad interpretare questi messaggi e a riconoscere le caratteristiche delle rocce e proveranno a riprodurre i segni del passato. Il laboratorio è rivolto ai bambini dai 4 ai 13 anni e si terrà da giovedì 27 ottobre a domenica 6 novembre, con orario di accesso 10-18, presso il Museo di Storia Naturale di Genova, ingresso con il biglietto del Festival. Per gruppi e scuole la prenotazione è obbligatoria.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…