Il Cinque Terre Express conviene a liguri e turisti 

Le Cinque Terre sono più belle (e convenienti) in treno. Dal 24 giugno sino al 1° novembre, infatti, grazie all’accordo tra Regione Liguria ed Ente Parco (dopo le polemiche dei pendolari, è bene ricordarlo) ci saranno alcune importanti novità. A cominciare dall’azzeramento per tutti i residenti in Liguria della tariffa da 4 euro del Cinque Terre Express e del supplemento da 2,40 euro per chi proviene da località fuori tratta Levanto-La Spezia. Aumenteranno del 40% le fermate nelle località delle Cinque Terre nei giorni feriali, passando dalle attuali 320 a 447, con 44 treni in più, 110 in totale: si aggiungono ai regionali veloci le fermate di Monterosso e Riomaggiore, con possibilità di distribuire le fermate anche nelle altre località del Parco. Vengono estese, anche nei giorni feriali, le fermate in tutte le località del Parco ai regionali Sestri Levante-La Spezia.

“Sul piano tariffario – dice Patrizio Scarpellini, direttore del Parco – sono previsti sconti per i turisti che soggiornano nelle struttura ricettive ricomprese nella perimetrazione del Parco. Privilegiamo coloro che permangono nelle Cinque Terre per più giorni. I dati dicono che il visitatore delle Cinque Terre è per il 56,2% straniero in particolare statunitense e francese. Il treno è il mezzo più usato per raggiungere (72,8%) e lasciare (73,6%) le 5 Terre e per effettuare spostamenti nelle varie località (95%). Nel complesso l’83,9% dei viaggiatori si dice soddisfatto del viaggio. I principali suggerimenti forniti dagli intervistati riguardano la richiesta di maggior sicurezza e controlli in stazione e sul treno.”

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…