Il principe dei ladri, da Savona a Londra

Sono in ritardo, lo so, colpa del treno. In ogni caso volevo proporvi quanto scritto qualche giorno fa da Cinzia Gatti su Savonanews su Renato Rinino, ladro di Savona, certo, ma personaggio salito alle cronache per un clamoroso furto a Londra. Lo spunto è il film che verrà proiettato questa sera al Diana di Savona. 



L’Arsenio Lupen della Riviera torna a rivivere per una sera a Savona. Lunedì 30 novembre verrà infatti trasmesso presso il Multisala Diana il film, realizzato da Valerio Burli, sulla vita di Renato Rinino. Studente del Centro Sperimentale di Cinematografia dell’Università dell’Aquila, nell’estate del 2014 era venuto in Provincia di Savona per ricostruire la storia e i luoghi del Lupin della Riviera.

 

Renato infatti si rende noto, sin dalla giovinezza, nel mondo della piccola criminalità, compiendo furti e reati di lieve entità. Il personaggio dei film e del cartone è la sua fonte di ispirazione, per questo si è sempre autodefinito “ladro di professione, ma gentiluomo” (aveva fatto anche incidere il nome Arsenio Lupin sul serbatoio della sua Harley).

 

Ma fu il furto inglese che diede celebrità a Renato Rinino, una vicenda che si è guadagnata gli onori delle cronache dei giornali internazionali. Il 26 febbraio del 1994 Rinino era infatti riuscito ad intrufolarsi nella villa di Saint James Palace a Londra di proprietà del Principe di Galles, Carlo.  

 

Il  bottino era costituito da gioielli privati e alcuni gioielli della corona (sei bottoni, un orologio da polso in acciaio, due scatole in argento, cinque spille e cinque coppie di gemelli) per un valore stimato dai 25.000 ai 75.000 euro. Ma non solo, sembrerebbe che il Lupin savonese fosse riuscito anche a portare via delle lettere compromettenti  tra il principe Carlo e l’allora amante Camilla Parker Bowles, ma lui l’ha sempre negato. “Il bello è che Rinino ignorava si trattasse del lussuoso appartamento del Principe Carlo –aveva spiegato lo studente– il palazzo era coperto da impalcature ed era riuscito ad entrare grazie ad un deltaplano che, atterrando nella residenza della regina Elisabetta, aveva disattivato tutti i sistemi d’allarme”. La Polizia di Scotland Yard aveva iniziato le sue ricerche solo dopo la segnalazione del gioielliere al quale Renato si era rivolto per vendere parte della refurtiva.

 

Tramite l’avvocato Alessandro Garassini, al tempo Presidente della Provincia di Savona, dichiara pubblicamente di voler restituire i gioielli in cambio di una stretta di mano con il Principe Carlo: inizia così un periodo di notorietà nei giornali scandalistici e si mostra in città con una maglietta con sopra stampata una foto che lo ritrae seduto su un trono reale coperto dai gioielli rubati. Intanto passano 3 anni e il reato in Italia viene prescritto. Tre anni sono infatti il tempo in cui un reato commesso all’estero non è più perseguibile.

 

La sua fine però è tragica. Renato Rinino viene ucciso dall’amico di infanzia Yuri Scalise con un colpo di revolver alla testa. Alla base del gesto motivi di gelosia e il devastante effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti.  

 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…