La fiamma che arde nel cuore a Varazze

Sabato 17 dicembre alle 17 a Varazze, presso la libreria Tra le Righe, di via Colombo n.11, si svolgerà la presentazione del libro “La fiamma che arde nel cuore”, di Antonio Rossello, stampato dalla Coop Tipograf di Savona in collaborazione con la Federazione Italiana Volontari della Libertà (FIVL), e della collettiva d’arte “Ombre e Colori” di Demj Canepa, Caterina Galleano e Ennio Bianchi. L’opera “La fiamma che arde nel cuore” è giunta finalista all’edizione 2015 del Concorso “Pannunzio”. Il volume, già presentato nei mesi scorsi a Acqui Terme, Alassio, Albisola Superiore e Savona, è un testo di carattere divulgativo che cerca di tracciare in forma originale una cornice di avvenimenti, e relativi protagonisti, che hanno contribuito a segnare la storia più recente di Savona e Provincia. Il presidente emerito del Coni, Lelio Speranza, che funge da cicerone attraverso le pagine più rilevanti del testo, è autore di vari commenti e fonte preziosa di particolari spesso inediti. Anche nel 2013, con il romanzo “Ombre e colori” edito da Divinafollia, Rossello si è classificato finalista al Concorso Pannunzio. Il suo ultimo romanzo, “El Arco Iris”, è appena uscito per i tipi di Lettere Animate.Sempre nei locali della libreria I tre artisti varazzini Demj Canepa, Caterina Galleano e Ennio Bianchi, aderenti alla FIVL e al Circolo Artisti Varazzesi, espongono proprie opere nell’ambito della collettiva d’arte “Ombre e Colori”, ispirata al prima citato romanzo di Rossello, che sarà visitabile dal 17 dicembre al 6 gennaio.

Condurrà l’evento Giorgio Siri de L’Eco. Saranno presenti l’autore, gli artisti e l’assessore alla Cultura Maria Angela Calcagno. Interventi del poeta Silvio Craviotto e del tenore Gennaro Cascone.

Parteciperà Valter Lazzari che entrerà a far parte della FIVL ricevendo la tessera di socio di onore e un attestato alla memoria del congiunto Gandolfo Angelo, caduto fra le 59 vittime dell’eccidio della Foce Centa di Albenga (1945).

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…