La Liguria grande assente alla Disneyland delle eccellenze agroalimentari

Il 15 novembre, a Bologna, apre F.I.CO, la Fabbrica Italiana Contadina, ultima “invenzione visionaria” di Oscar Farinetti, patron di Eataly. La premessa che Farinetti possa essere divisivo, simpatico a pochi, antipatico a molti è, in questo momento, ininfluente. Il dato di fatto, incontestabile, è che si tratti di un imprenditore che, sul campo, ha dimostrato di saper promuovere l’agroalimentare italiano. In un momento storico in cui i colossi tedeschi e francesi fanno shopping delle catene della grande distribuzione italiana (con conseguente “spinta” di prodotti tedeschi e francesi a scapito di quelli italiani) Farinetti è stato pressochè l’unico ad aprire boutique agroalimentari all’estero. Detto questo, il succo di questo post parte dagli obiettivi di F.I.CO, una sorta di disneyland del cibo: 8 milioni di visitatori all’anno, provenienti da tutto il mondo, richiamati dal fascino del “made in Italy”. Obiettivi ambiziosi, certo, ma raggiungibili. Nell’enorme spazio del grande parco bolognese, con 2 mila ettari di campi e stalle all’aria aperta, 200 animali, 2 mila cultivar e negli 8 ettari coperti, con 40 fabbriche artigianali perfettamente funzionanti, 40 punti ristoro, 9 mila metri quadrati di botteghe di eccellenza alimentari (per non parlare delle aule didattiche e quelle dedicate ai bambini) c’è, in pratica, il meglio dell’Italia agricola di qualità. Ecco, il punto è questo. A rappresentare la Liguria c’è un solo produttore, l’oleificio Roy. Niente di male, ogni imprenditore fa quel che vuole e può ma…C’è un ma. Farinetti aveva invitato alla presentazione ufficiale del parco le autorità regionali liguri. Nessuno è andato, legittimamente, per impegni già assunti. Farinetti, allora, ha chiesto alla Regione Liguria se aveva piacere di sistemare a F.I.CO del materiale promozionale sulle tante eccellenze liguri. La risposta è stata si, che passasse pure a Genova a ritirare i depliant…

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…