Lavagnola e Legino raccontati da Ciciliot alla Storia Patria

Lavagnola e Legino sono ormai pressoché unite a Savona, ma fino a non molti decenni or sono vantavano una precisa individualità, frutto di una origine molto antica, con insediamenti che dai loro nomi arrivano a denunciare origine romana o altomedievale. La conferenza-seminario di Furio Ciciliot – intitolata Savona medievale, toponomastica, parte seconda, Lavagnola e Legino (salone di Storia Patria, venerdì 23 febbraio, ore 17.30) – sarà dedicata alle due comunità storiche del contado savonese, insieme con le alte valli del Letimbro e del Lavanestro, Fornaci e Zinola. Ecco uno stralcio della relazione inedita.

 

Fino a pochi decenni or sono, Lavagnola e Legino furono comunità indipendenti con proprie tradizioni. Anche la loro toponomastica storica, almeno quella anteriore al 1215 a cui ci riferiamo, descrive ambienti e insediamenti diversi. Più appartata Lavagnola, sede di numerosi mulini e con alcuni nuclei abitati collinari ben definiti – Marmorassi, Riborgo e la zona tra San Michele e Montemoro – in cui compaiono evidenti toponimi di origine germanica. Ricordiamo anche chiese antiche i cui titoli religiosi sono di diversa origine: San Dalmazzo, San Nazario, San Michele di Alpesella e il monastero maschile e femminile di San Salvatore e San Giacomo di Montemoro, raggiunto da una strada riattata nel 1214 che si inerpica da Cantagalletto verso Altare e Ferrania. Legino denuncia le sue origini romane e contiene numerose proprietà religiose che ne continuano la vocazione agricola in un’area comoda e fertile per l’acqua del rio Molinero e degli altri ruscelli che sfociano sull’ampia spiaggia, su cui gravitavano, in sequenza a partire dalla foce dell’attuale Letimbro: il monastero femminile di Santa Cecilia, le Fornaci (allora Maonarie) e Zinola, al confine con Vado, in corso di sviluppo intorno alla chiesa di Santo Spirito. La seconda parte della ricerca inedita sulla toponomastica storica di Savona, dedicata a Legino (con le Fornaci e Zinola) e a Lavagnola (con le alte valli savonesi), sarà illustrata da Furio Ciciliot il 23 febbraio 2018, alle ore 17.30, nel Salone di Storia Patria.

 

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...