Le Rose della Val Scrivia chiedono la Dop

Giovedì 9 novembre alle 15, presso la Biblioteca Bertha Von Suttner di Busalla si terrà un workshop sulla valorizzazione e tipizzazione della Rosa della Scrivia, Presidio Slow Food. Nota per lo sciroppo di rose, la Rosa della Valle Scrivia, è uno dei più significativi prodotti tipici dell’entroterra ligure. Da diversi anni, in Valle Scrivia si sta cercando di valorizzare la Rosa (che prende il nome di Rosa della Valle Scrivia): ottima per il suo utilizzo in cucina e la migliore per la realizzazione del prezioso e ottimo sciroppo di rose.
Con il workshop di giovedì 9 novembre si cercherà di coinvolgere il maggior numero di persone e aziende nel progetto di tipizzazione della Rosa della Valle Scrivia: lo scopo è quello di fornire una base scientifica che attesti l’unicità e la tipicità locale di questa particolare rose, primo passo per l’ottenimento del marchio di qualità e della DOP.
“Ci credo da molti anni – sostiene Fabrizio Fazzari, Assessore alla Cultura del Comune di Busalla – già con la realizzazione della Festa delle Rose di Busalla. La rosa potrebbe diventare un marker territoriale significativo e spingere la produzione agricola della nostra valle, fornendo una serie di prodotti che potrebbero caratterizzare parte della futura economia della Valle Scrivia”. Recentemente il progetto di valorizzazione della Rosa della Valle Scrivia è stata inserito nel piano di sviluppo rurale della Regione Liguria.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…