Loano, con il Cai a Finalborgo

Giovedì 12 gennaio nuova edizione di “Loano non solo mare”, curata dalla sezione loanese del C.A.I. con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune. La rassegna di escursioni si aprirà con un itinerario soft alla scoperta del centro storico di Finalborgo e dintorni. Spiega Beppe Peretti, accompagnatore di escursionismo del CAI di Loano: “Loano non solo mare riparte con una gita che, nel solco della tradizione che si protrae ormai da alcuni anni, prevede la visita, la conoscenza e l’approfondimento di una località del Ponente Ligure. Accompagnati da una guida specializzata, visiteremo l’antica capitale del marchesato di Finale: la chiesa di San Biagio, i carrugi e le piazzette del centro storico, i chiostri del convento di Santa Caterina, ecc. Di qui risaliremo il sentiero Beretta (dal nome del costruttore) detto anche della Regina (per il passaggio della quale è stata costruita) ed arriveremo a Sant’Eusebio, antica chiesa di Perti risalente al medioevo, con una suggestiva ed interessante cripta romanica. Qui è prevista anche la sosta pranzo, con possibilità di riparo in caso di maltempo. Nel pomeriggio la nostra escursione continuerà con la visita (anche questa guidata) al ristrutturato Castel Gavone, residenza e roccaforte dei marchesi Del Carretto, signori di Finale, e si concluderà ritornando a Finalborgo con un itinerario ad anello.”
I partecipanti alla passeggiata si troveranno alle ore 8.30, possibilmente con auto propria, in piazza Valerga a Loano.

Le escursioni sono gratuite e praticabili da quanti abbiano un discreto allenamento a camminare in montagna. Per i non Soci CAI è obbligatoria l’assicurazione nominativa infortuni, da sottoscrivere prima della gita. Il programma di escursioni all’aria aperta offrirà l’opportunità di scoprire e apprezzare il patrimonio naturalistico e architettonico dell’entroterra ligure. L’obiettivo del progetto è di promuovere la pratica escursionistica come occasione di socializzazione, benessere personale, conoscenza e valorizzazione del territorio.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…