Ma se ghe pensu, inno della Liguria

Ma se ghe pensu (Ma se ci penso in italiano) è il simbolo musicale della Liguria, terra oggi di immigrazione ma, per tanti anni, di emigrazione, soprattutto verso il Sud America, Argentina in primo luogo (alla Boca di Buenos Aires si parla uno splendido dialetto genovese, tanto per fare un esempio, e una nonna di Papa Francesco era originaria della Val Bormida.

 

 

La canzone fu lanciata in un primo momento con il titolo Se ghe penso, senza la congiunzione iniziale “ma”, aggiunta in un secondo momento.

La paternità della canzone è sicuramente attribuibile a Mario Cappello, tanto per i versi, quanto per la musica, mentre Attilio Margutti collaborò alla stesura musicale.

L’anno di nascita del brano è il 1925. La prima interpretazione del brano fu quella del soprano Luisa Rondolotti, che lo cantò al Teatro Orfeo, sala genovese successivamente trasformata in cinematografo.

Erano gli anni in cui nasceva la canzone dialettale genovese, derivata degli antichi trallallero e che sarebbe poi sfociata nella scuola dei cantautori genovesi, passando prima attraverso lo swing dell’immediato dopoguerra di Natalino Otto e il gruppo degli urlatori anni sessanta di cui faceva parte il cantante con il saltino: Joe Sentieri. La canzone narra la storia di un genovese costretto a emigrare in America Latina in cerca di fortuna, evento socialmente molto comune tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, ma ritrovandosi a pensare alla bellezza della sua città natale, sopraffatto dalla nostalgia, decide di ritornare contro il volere del figlio ormai ambientatosi.

La canzone apre con il riferimento alla povertà del protagonista, partito senza un soldo (sensa ûn-a palanca), torna trent’anni dopo a Genova pur di rivedere la sua terra (E sensa tante cöse o l’è partïo, senza tanti indugi è partito). Non gli importa che il figlio preferisca rimanere: lui partirà in un viaggio a ritroso (nel tempo e nello spazio) per formare di nuovo il suo nido a Genova.

Questa canzone è simbolo dell’attaccamento dei genovesi verso la propria città, concetto ripreso più volte successivamente anche da Fabrizio de André, Francesco Baccini e altri. E contrasta il mito della loro avarizia, riconoscendogli valori più alti di quelli materiali: ad un’iniziale desiderio di una condizione migliore (Aveva lottato per risparmiare e farsi la palazzina e il giardinetto), pian piano la nostalgia lo vince.

 

Questo il testo:

«O l’ëa partîo sensa ‘na palanca,

l’ëa zà trent’anni, forse anche ciû.

Ô l’aiva lottòu pe mette i dinæ a-a banca

e poèisene ancon ûn giorno turnâ in zû

e fâse a palassinn-a e o giardinetto,

co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,

a branda attaccâa a-i ærboi, a ûso letto,

pe dâghe ‘na schenâa seja e mattin.

Ma o figgio ô ghe dixeiva: “No ghe pensâ

a Zena cöse ti ghe vêu tornâ?!”

 

Ma se ghe penso allôa mi veddo o mâ,

veddo i mæ monti e a ciassa da Nûnsiâ,

riveddo o Righi e me s’astrenze o chêu,

veddo a lanterna, a cava, lazû o mêu…

Riveddo a-a seja Zena inlûminâa,

veddo là a Fôxe e sento franze o mâ

e allôa mi penso ancon de ritornâ

a pösâ e össe dove’hò mæ madonnâa.

 

O l’ëa passòu do tempo, forse tróppo,

o figgio o l’inscisteiva: “Stemmo ben,

dove ti vêu anâ, papà?.. pensiemmo dóppo;

o viaggio, o mâ, t’é vëgio, no conven!”

“Oh no, oh no! mi me sento ancon in gamba,

son stanco e no ne pòsso pròppio ciû,

son stûffo de sentî: señor, caramba,

mi vêuggio ritornâmene ancon in zû…

Ti t’é nasciûo e t’hæ parlòu spagnòllo,

mi son nasciûo zeneise e… no ghe mòllo!”

 

Ma se ghe penso allôa mi veddo o mâ,

veddo i mæ monti e a ciassa da Nûnsiâ,

riveddo o Righi e me s’astrenze o chêu,

veddo a lanterna, a cava, lazû o mêu…

Riveddo a-a seja Zena inlûminâa,

veddo là a Fôxe e sento franze o mâ

e allôa mi penso ancon de ritornâ

a pösâ e osse dove’hò mæ madonnâa.

 

E sensa tante cöse o l’è partîo

e a Zena o g’ha formòu torna o sêu nîo».

 

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…