Madonna delle Penne a Laigueglia, una chiesa che arriva dalla Catalogna

È un luogo di culto, suggestivo e di grande valore, non solo per i fedeli, ma anche per chi della Liguria ama i paesaggi, gli scorci. Il Santuario di Nostra Signora delle Penne a Laigueglia è quel che si dice uno splendido esempio di architettura religiosa. Oggi parliamo di questa chiesa grazie anche alle fotografie di Francesco Franco Pelle, sempre più amico di questo sito. Buona lettura e buona visione.

L’interno della chiesa si presenta come un’aula rettangolare cui è addossato un massiccio portico, con volta a crociera molto bassa e chiuso verso monte. Dal portico in ardesia ligure due finestrelle consentono di osservare l’interno e un ampio sedile offre sollievo al visitatore. In passato il portico aveva un’apertura più ampia, ristretta successivamente a causa dei cedimenti subiti dall’edificio.

Le aperture si trovavano su tutti i tre lati, come ancora adesso ben visibile è quella lato monte completamente richiusa, quella centrale appunto seriamente ridotta, e quella lato mare ridimensionata a praticamente una porta.

In facciata è ancora leggibile un’ampia finestra serliana, oggi totalmente occlusa per le ragioni di statica. Ai suoi lati, sempre richiuse, quelle che dovevano essere due nicchie esterne. La facciata lato mare presenta un pregevole affresco della Madonna delle Penne, ai suoi piedi il golfo di Laigueglia. L’iconografia della Madonna e la cornice dell’affresco, tipica spagnola confermano l’origine catalana del culto alla Madonna delle Penne. L’interno è finemente barocco con pitture policrome a pastelli tenui, che ritroviamo sia a San Matteo che alla Chiesetta di Colla Micheri. L’abside del presbiterio, che segue un disegno a linea pentagonale, ha un altare di marmo con tre nicchie ed è suddiviso da paraste ornate di capitelli, nelle quali sono inseriti motivi barocchi dalla linea movimentata, ripresi dai calchi della Chiesa Parrocchiale di San Matteo.

Sotto la volta a botte lunettata corre un lineare cornicione, al di sopra del quale si aprivano un tempo nove finestre (oggi cinque sono chiuse), che inondavano di luce l’interno. La finestra centrale ospita ora una vetrata artistica dove è raffigurato un angelo che abbraccia una barca corallina. Anche il pavimento è quello caratteristico delle chiese di Liguria, dove spesso si adotta il connubio tra il marmo bianco e l’ardesia. All’interno si ritrovano numerosi ex-voto marinari donati nel corso dei secoli al santuario.

Alla sinistra dell’Altare si apre una porta che conduce al locale ora Sagrestia, in origine fu una postazione di difesa napoleonica, la batteria della “muerte”. Al piano di sopra si trova ancora l’originale “fugò” con il quale i soldati si preparavano da mangiare. Al pianterreno a fianco della porta esterna, troviamo una nicchia con Statua della Madonna con sotto il lavabo dove il celebrante usava lavare le mani prima di officiare le funzioni. L’acqua finiva nella grossa sottostante cisterna, che ripercorre il perimetro della stanza. L’acqua piovana infatti veniva raccolta dal tetto tramite grondaia e ivi convogliata.

Le rocce di Capo Mele, sulle quali si staglia il piccolo Santuario di “Madonna delle Penne”, raccontano una storia e il suo piccolo mistero. Tutto cominciò con una statuetta di marmo raffigurante la Madonna, sul cui basamento era stata posta un’iscrizione: “Nuestra Senora de la Pena” (Nostra Signora della Roccia o della Rupe). La piccola “Mado de Pene” fu portata a Laigueglia dai pescatori di corallo catalani che dal 1300 arrivarono nella baia, in seguito a contatti con i monaci benedettini dell’isola Gallinaria. E, presumibilmente intorno al 1650, gli stessi corallari (per lo più in arrivo da San Feliu in Catalogna) edificarono, su una precedente piccola cappella dedicata alla Madonna della Neve, un oratorio che i pescatori locali e i fedeli, nel passaggio dal catalano al dialetto ligure, “ribattezzarono” Madonna delle Penne. Ancora oggi gli uomini di mare e non, rivolgono lo sguardo allo sperone roccioso che sovrasta Capo Mele, dove in suggestiva posizione a strapiombo sul mare, si trova il santuario della Madonna delle Penne dove viene celebrata ogni anno il 5 agosto la festa liturgica della Madonna della Neve.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…