Natale, tornano i maccheroni liguri

È una tradizione natalizia, soprattutto nel genovesato e nel savonese. Per i bambini sono una sotta di incubo perché non si sabene se mangiarli col cucchiaio, con la forchetta o con la fantasia: sono i maccheroni di Natale.

Per Natale in Liguria vengono prodotti degli speciali maccheroni, chiamati natalini o semplicemente “maccheroni di Natale”. SI tratta di maccheroni piuttosto lunghi, tagliati di sbieco alle estremità, simili agli ziti napoletani ma con diametro maggiore, e prodotti utilizzando la semola di grano duro. La lavorazione è particolare e ve ne accorgete guardandoli, dorati, lisci ma con lievi irregolarità, e poi anche il gusto è particolare. Questi speciali maccheroni vengono prodotti dai pastifici locali in Liguria solamente per il periodo natalizio, approfittatene se passerete qualche giorno in Riviera per acquistarli. Vediamo ora come cucinarli. Avvertenza, i maccheroni di Natale prima di essere cucinati vanno rotti come minimo a metà, ma anche in tre parti.

La tradizione ligure richiede per il pranzo di Natale i maccheroni cotti nel brodo di cappone, ed una variante suggerisce di unire al brodo dei pezzetti di salsiccia e di cardo lessato. Vengono serviti nel brodo di cappone ed accompagnati da polpettine o bocconcini di salsiccia, che sono un portafortuna in quanto rappresentano le “palanche”. Questi speciali maccheroni vengono prodotti in Liguria soltanto in occasione del periodo natalizio e hanno una lavorazione particolare.
Questi maccheroni sono ottimi anche asciutti, conditi con il tocco (il sugo di carne genovese), e in questo caso si cuociono assieme a qualche fetta di patata.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…