Nuovo album dei genovesi Ex-Otago con luis Lunari e Massimo Tarozzi

Ci sono pure i genovesi Louis Lunari (Sunset Boys) e Massimo Tarozzi, con il loro “Cinghiali incazzati Genoa Rockers Remake”, nel nuovo cd speciale di remix di “Marassi” degli Ex-Otago in uscita il 26 maggio, che segue alla pubblicazione “deluxe” “Stramarassi” dell’aprile scorso. Il cd uscirà in edizione limitata e autografata dai lanciatissimi Ex-Otago, a supporto del loro lungo tour estivo, il 26 maggio in esclusiva Amazon, insieme a due vinili. Il primo vinile riprodurrà l’album originale “Marassi”, il secondo vinile i remake di alcune delle canzoni di “Marassi” con tutti i featuring, da Jake La Furia a Caparezza, e invece il cd raccoglierà tutti i remix ufficiali, incluso il “Cinghiali incazzati Genoa Rockers” di Tarozzi e Lunari. Che è in buona compagnia, con i remix, fra gli altri, di Claudio Coccoluto e GodBelssComputers. Pure questo lavoro esce naturalmente per le case discografiche degli Ex-Otago, Inri Records e Garrincha Dischi, sempre su licenza della major Universal. Fondatore dei Sunset Boys con il bassista Massy “Mad Max” Murialdo, Louis Lunari non è nuovo a realizzare remix per la Garrincha Records: insieme a uno dei dj del team di produzione targato Sunset Boys, Alex Cavalieri (gli altri due dj del gruppo sono Marco Valenti e Matteo “Doc” Fossati), aveva infatti prodotto il remix “Vodka buum! buum!” del singolo “Il pasto di Varsavia” dei genovesi Magellano (la band di FiloQ e Pernazza, ex rapper degli Ex-Otago e noto pure in tv come “il coniglio di Chiambretti”), remix contenuto nel cd “Tutti a spasso, tutti i remix”. Batterista fra i migliori in assoluto mai usciti da Genova, che ai tamburi di Silver Race, Raptus di Mister Puma, Blindosbarra e Lavori In Corso, fra gli anni ’90 e 2000 ha contribuito a fare la storia della scena musicale indipendente genovese e ligure in Italia, Massimo Tarozzi si è poi imposto pure come produttore electro con la firma Rebel Bit, pubblicando i suoi album elettronici per la label Skake Records

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…