Peppino Schivo torna ai fornelli per cucinare la storia del gusto ligure

Arrivavano da Piemonte e Lombardia apposta per sedersi ai tavoli del suo ristorante di Vadino. Oggi, venerdì 8 luglio, a 85 anni, Giuseppe “Peppino” Schivo si rimette per una sera ai fornelli, tra gioco e scuola, allo Scoglio di Anna ad Albenga, ed avrà come aiutanti Federico Scardina, chef emergente, e Beppe Marchese, funzionario del Comune e appassionato di cucina. Il ristorante “Da Schivo”, vicino alla caserma Piave, alla fine di via Tiziano, è stato negli Anni ’60 e ’70 un mito per gli amanti della cucina di mare. Peppino, assieme a Ferrer Manuelli a Borghetto (e poi Vado) e a Silvio Viglietti del Palma di Alassio, era uno degli chef (ma allora si chiamavano cuochi, quando non osti) più in voga. Poi, dopo l’esperienza albenganese, una breve gestione alla Puerta del Sol, il complesso turistico di Alassio che nel 1982 ospitò il ritiro della nazionale di Bearzot che diventò campione del mondo in Spagna. Poi il ritiro dalle scene e dai fornelli, almeno quelli pubblici perché, per gli amici, Peppino ha continuato a cucinare. E venerdì 8 luglio alcuni dei suoi piatti più conosciuti torneranno sui tavoli dello Scoglio di Anna a cui va il merito di aver riportato alla ribalta un vero pilastro della moderna cucina ligure.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…