Savona, concerto di Natale del coro Bruckner

Sabato 17 dicembre alle 21, nella cappella di nostra Signora della Neve in via Manzoni a Savona, concerto del Coro polifonico “Anton Bruckner” diretto dal suo fondatore Marco Esposto. La serata è promossa per raccogliere fondi pro missioni in collaborazione con gli Amici della missione della congregazione Figlie di Nostra Signora della Neve onlus e l’associazione genitori scuole cattoliche, sezione di Savona. Il programma, dedicato alla musica occidentale e alla sua insuperata ricchezza armonica e polifonica, presenta autori dal XVIII al XX secolo: Austria (Mozart, Bruckner), Germania (Bach, Homilius, Beethoven), Francia (Debussy), Russia (Ciajkovskij), Gran Bretagna (Elgar, Vaughan Williams), Norvegia (Grieg) e pure Stati Uniti (Copland) in un corale “Inno alla gioia” di fratellanza in musica. Non mancheranno ovviamente canti natalizi di diverse tradizioni nazionali. Il coro proporrà poi un altro concerto natalizio giovedì 22 dicembre alle 21 nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Giuseppa Rossello alla Villetta di Savona promosso dall’associazione onlus Consultorio familiare Cif. Il programma oltre ad una rassegna Canti natalizi di diverse origini e tradizioni nazionali propone l’ascolto di brani di musica sacra di Bach, Mozart, Bruckner e Ciajkovskij. L’altra parte, a cappella, prevede musiche dello stesso Anton Bruckner, altro illustre musicista figlio della cattolicissima Austria, di Homilius, da J.S. Bach considerato tra i suoi migliori allevi, e del francese Poulenc, importante compositore esponente del novecento storico. Il polifonico “Bruckner” di Savona, costituito da un gruppo di amici della musica corale, in quasi 30 anni ha realizzato oltre 130 concerti, collaborando con varie istituzioni musicali e culturali italiane, proponendosi sia a cappella, sia con orchestra, avvalendosi della collaborazione di affermati artisti del panorama italiano e internazionale e partecipando con successo a diverse rassegne e concorsi.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…