Serial killer per signora a Borgio Verezzi

Sino a venerdì 5 agosto il Festival teatrale di Borgio Verezzi propone in piazza Sant’Agostino Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia in “Serial Killer per signora”, musical di Douglas J. Cohen, andato in scena in prima nazionale mercoledì 3 per la regia dello stesso Guidi.“Si tratta, mi si consenta il paragone più che mai azzeccato, di un ritorno sulla scena nel delitto. – scrive Guidi nei suoi “Appunti di viaggio” – Era il 2001 quando ho prodotto e diretto (senza interpretarlo) questo spettacolo per la prima volta. Fu un’esperienza felice: la mia prima regia. Piacque tantissimo, mettendo d’accordo critica e pubblico. A distanza di quindici anni ne curo una seconda edizione, con delle differenze: non produco più, ne sono sempre il regista, interpreto uno dei due ruoli maschili, ma spero nel medesimo esito”. Dalla precedente edizione rimangono la brillante e colta versione delle liriche di un grande maestro della musica leggera italiana, Giorgio Calabrese, la direzione musicale originale di Riccardo Biseo, con materiale aggiunto e orchestrato da Ciro Caravano, e parte della traduzione di allora, a firma di Gianni Fenzi.

La trama in breve. “Un killer in città può provocare il caos, e che detective lo impacchetterà” canta Morris ad un certo punto della commedia. Questa frase stigmatizza il percorso dei due protagonisti. Kit, uccidendo, ottiene la prima pagina del New York Times, e secondo la sua mente malata raggiunge il successo. Morris ne diventa l’inseguitore e potenziale carnefice, dando lustro alla sua sbiadita carriera. Nutrendosi l’uno dell’altro, iniziano una gara senza esclusione di colpi che, inevitabilmente, avrà un solo vincitore.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…