Silvia Levenson espone a Villa Rosa di Altare

Il Museo dell’Arte Vetraria Altarese, in collaborazione con il Comitato per i Gemellaggi del Comune di Altare coordinato da Alberto Saroldi, nella settima edizione di Altare Vetro Arte, curata da Mariateresa Chirico, ospiterà l’opera di Silvia Levenson, artista nata a Buenos Aires che vive tra il Lago Maggiore e l’Argentina, nota a livello internazionale per le sue opere e per le sue installazioni realizzate principalmente con il vetro.Silvia Levenson nelle sue opere affronta tematiche di estrema attualità, profondamente connesse alla realtà della società contemporanea. La sua riflessione prende spunto dalla quotidianità, ed è innanzi tutto una riflessione personale, ma diventa una interrogazione inquietante sul vissuto di un’intera generazione argentina e poi, ancora, più in generale, sul significato dell’esistenza nella nostra società.

L’artista espone oggetti del quotidiano, apparentemente gradevoli, ma che in realtà, così come vengono proposti, intendono provocare, suscitare la reazione del visitatore. Nella sua poetica gli oggetti del mondo circostante, gli oggetti più banali, assurgono a valore di metafora e, reinterpretati alla luce di una sottile ironia, profondamente amara, risultano spiazzanti, destabilizzanti. Nulla è come sembra: non lo sono le cose, non lo sono i sentimenti, non lo sono i rapporti tra gli individui. 

La mostra “Doppie assenze – Dobles ausencias” verrà inaugurata il 27 maggio alle 18 a Villa Rosa ad Altare. La mostra sarà visitabile fino al 2 luglio 2017, nell’orario di apertura del Museo, dal martedì alla domenica dalle ore 14 alle ore 18.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…