Sulle tracce del lupo al Monte Fronté

Domenica 5 novembre l’Associazione Monesi Young condurrà i partecipanti al trekking sulle tracce del lupo, con un’escursione lungo l’anello del Monte Fronté (il monte dove nasce l’Arroscia, il maggior affluente del fiume Centa). Il lupo è sicuramente la specie più carismatica ed evocativa presente in Italia, da sempre presente nella cultura e nella storia del nostro territorio. Per questa specie, di importanza comunitaria e tutelata da numerose leggi nazionali e internazionali, l’attività di monitoraggio è essenziale a garantirne la conservazione e mitigarne l’impatto sulle attività antropiche. Dagli anni ’90 il lupo si è riaffacciato sulle Alpi Occidentali dopo mezzo secolo di assenza, ricolonizzando i territori abbandonati dall’uomo: nelle Alpi Liguri Imperiesi da anni vive stabilmente un branco, che comprende nel suo territorio il Sito di Interesse Comunitario (SIC) Monte Saccarello-Monte Frontè, cuore del Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri.L’escursione parte da San Bernardo di Mendatica (1265 m s.l.m.) lungo il sentiero di costa Pian dei Prati fino a raggiungere la Margheria Garlenda (circa 1600 m s.l.m.); da qui si sale verso la Golletta di Garlenda (1882 m s.l.m.), raccordandosi in vetta con l’Alta Via dei Monti Liguri e proseguendo in cresta fino al Monte Frontè (2152 m s.l.m.). Dal Frontè si scende lungo la Via Marenca seguendo la linea di costa per arrivare al Colle del Garezzo (1771 m s.l.m.); infine rientro a San Bernardo di Mendatica percorrendo la strada ex militare in costa al monte Frontè.

Dislivello: 900m – Tempi percorrenza: 5,5 ore – Lunghezza: 16 km – Difficoltà: Escursionistica. Ritrovo: Pieve di Teco (automuniti) alle 8 presso il grande parcheggio nel centro storico (SP6). Pranzo al sacco. Quota di partecipazione: € 10,00 per gli adulti (€ 5,00 per minori di 18 anni). Evento riservato ai soci MY (costo tessera € 20,00). Info e prenotazioni: Matteo Serafini: 333 6853041 – matteoserafini.lupoliguria@gmail.com

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…