Swing e world music a Cornigliano

L’associazione Worldtoday diretta da Michele Ienco propone per l’Estate a Villa Bombrini 2016 il fine settimana “All That Music” che si svolgerà venerdì 1 e sabato 2 luglio a Cornigliano. Due concerti, a ingresso libero, con ampio parcheggio e, dalle 19, un punto ristoro che rimarrà aperto per tutta la serata. Venerdì 1 sul palco saliranno Lady Dillinger Swing, band di 6 elementi che propone swing italiano dagli anni ‘30 ai 60. Diretta da Simone Fedetto la band propone la cantante Celeste Castelnuovo accompagnata da sassofono, chitarra, contrabbasso, batteria e tromba. Un repertorio dello swing che spazia da Mina a Fred Buscaglione, da Natalino Otto al Quartetto Cetra, prendendo il meglio della tradizione musicale del nostro paese. Anche l’aspetto estetivo è attentamente curato. L’abbigliamento è legato alla moda degli anni ’40/’50. Tra i brani proposto: Oh, mamma mi ci vuol la fidanzata; Solo me ne vo per la città; Ho un sassolino nella scarpa; Un bacio a mezzanotte; Baciami piccina; Birimbo Birambo e tante altre.Sabato 2 luglio, sempre alle 21.30 (ma con il punto ristoro aperto dalle 19) concerto del gruppo musicale “Pasticcio Meticcio“, World Music (5 elementi) con ospite d’onore Al Raseef (3 elementi). Pasticcio Meticcio, fondato da Marco Tosto, nasce come gruppo di musica klezmer, ma negli anni la formazione ha visto l’avvicendarsi di molti musicisti che hanno apportato stili, ritmi e melodie differenti con un’attività di ricerca e riproposizione di musiche popolari tradizionali. Il gruppo ha suonato in Italia e all’estero, le sue musiche sono frutto di viaggi, virtuali e reali. Il repertorio è composto da musiche tradizionali rivisitate e brani d’autore inediti, scritto in stile popolare. Un viaggio dal Caucaso al Baltico, passando per i Balcani e abbracciando il Mediterraneo.Tra gli strumenti ud, mandolino napoletano, lira calabrese, tamburi a cornice, fisarmonica, chitarra, saz turco, charango, clarinetto, chalumeau, violino, tombak, daff, darbuka, clarinetto. Ospiti i musicisti del gruppo Al Raseef con trombone, basso tuba, chitarra elettroacustica e sax special.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…