Thor, il norvegese innamorato di Laigueglia

È stato uno dei più grandi navigatori del secolo scorso, ma anche uno storico, un antropologo, un grande amante delle belle donne. Insomma, forse l’ultimo degli esploratori, degli avventurieri intesi come persone innamorate dell’avventura, della scoperta, del mondo. Thor Heyerdhal e stato questo e molto altro. Norvegese di nascita, cittadino del mondo per scelta, Ligustico per innamoramento. A Colla Micheri, sulle alture di Laigueglia, ora riposa mentre sta compiendo l’ultimo viaggio, quello che non prevede un ritorno. Dell’antico borgo che guarda al Mediterraneo Thor si era innamorato alla fine degli Anni ‘60 dopo l’entusiasmante esperienza del Kon-Tiki. Era in Costa Azzurra e cercava un terreno, un rustico dove far crescere la sua famiglia. I prezzi, in Francia, erano però troppo elevati e lui stava per tornare in Norvegia senza aver trovato quel che cercava. Il taxista che lo accompagnava all’aeroporto di Nizza, però gli prospettò Colla Micheri. Cambio di programma e amore a prima vista, con quella collina intagliata nel sasso,  che si tuffa nel mare, senza degradare in spiaggia. Il torrione di avvistamento divenne studio, stazione meteorologica, laboratorio. Dopo ogni avventura, dopo ogni esplorazione Thor tornava nel suo buen retiro sino al 2002, quando si è definitivamente fermato. Ho avuto la fortuna di conoscerlo alla fine degli Anni 80, già anziano. Era diventato una sorta di ambasciatore di uno dei prodotti più apprezzati e di maggior legame tra Norvegia e il Mediterraneo, lo stoccafisso. Oggi è un cibo raffinato ma per molti anni è stata la base dell’alimentazione povera della Liguria e non solo. Thor voleva unire la semplicità delle Isole Lofoten, dove il merluzzo viene pescato è seccato e trasformato in stoccafisso, e la semplicità della Liguria dei suoi abitanti, della sua ligusticità.

 
Per chi volesse saperne di più su Thor Heyerdhal ecco cosa scrive Wikipedia:

I

Thor Heyerdahl (Larvik6 ottobre 1914 – Colla Micheri18 aprile 2002) è stato un antropologoesploratoreregista e scrittore norvegese.

Biologo, specializzato all’Università di Oslo in antropologia delle isole del Pacifico, divenne in realtà famoso per la sua attività da archeologo. Infatti mise in discussione le teorie contemporanee sulla diffusione umana via mare sul pianeta, non esitando ad organizzare ardite navigazioni con natanti rudimentali per dimostrare la possibilità di viaggi transoceanici in epoca antica.

I suoi progetti navali si basavano su precise documentazioni storiche o protostoriche ed erano eseguiti con l’aiuto di maestranze indigene abili in lavorazioni simili a quelle antiche. I dubbi della comunità scientificadell’epoca si riferivano generalmente all’uso di materiali poco noti e ritenuti inaffidabili quali legno di balsapapiro e giunco.

Fu anche autore di documentari sulle sue spedizioni. Kon-Tiki ricevette l’Oscar al miglior documentario nel 1952, mentre Ra (The RA Expeditions) fu candidato allo stesso premio nel 1972.

Nel 1970, con un’imbarcazione di papiro come quelle usate dagli antichi Egizi, il Ra II, attraversò l’oceano Atlantico dal Marocco alle Antille. Nel 1977 un’altra imbarcazione di Giunchi, il Tigris, navigò dalle rovine di Babilonia (Iraq) alle Maldive e da lì a Gibuti.

Grazie alla spettacolarità delle sue imprese, documentate ed esposte nel Kon-Tiki Museet di Oslo, molte delle sue teorie, soprattutto sulle origini delle popolazioni polinesiane, risultarono le più diffuse, anche più di quanto meritassero in termini di conferma. Se, da un lato, gli sviluppi successivi dell’archeologia e della genetica (l’analisi del DNA mitocondriale ha rivelato che le popolazioni polinesiane sono arrivate da Occidente: Corno d’Africa, Centro Asia, India, indonesia, Australia) sembrano smentire la sua teoria della discendenza delle popolazioni polinesiane e dell’Isola di Pasqua anche da popolazioni amerinde, dall’altro è certo che il suo contributo è indiscutibile sotto molti aspetti.

Ad esempio, la stagione di scavi del 1955 presso l’Isola di Pasqua, in assoluto la prima vera campagna archeologica, ha permesso di chiarire molti aspetti rendendo possibili gli studi successivi, anche quelli che hanno prodotto smentite di alcune sue conclusioni. I suoi studi e le sue spedizioni hanno comunque dimostrato che in epoche molto antiche le rotte marine erano solcate abitualmente e che gli scambi culturali erano molto più fiorenti di quanto si pensasse.

Campagne e spedizioniModifica

Polinesia (1937-1938)Modifica

Qui sentirà da un vecchio indigeno le leggende che ispireranno il viaggio del Kon Tiki. Incontra un altro norvegese, Henry Lie, residente a Fatu Hiva da trent’anni che gli mostra delle statue di pietra simile ad altre trovate in Colombia. Scopo originale della spedizione era capire come gli animali avessero potuto raggiungere un’isola precedentemente deserta. Il periodo trascorso sull’isola di Fatu Hiva venne poi narrato nel suo primo libro “Paa Jakt efter Paradiset” (1938), che fu pubblicato in Norvegia ma, per l’incombere della seconda guerra mondiale, non fu mai tradotto. Molti anni dopo, a seguito della fama raggiunta con i suoi libri e documentari, Heyerdahl pubblicò una rielaborazione di questo libro sotto il titolo di “Fatu Hiva” (1974), incorporando la sua vena salutista.

Columbia britannicaModifica

Nel 1939 partì in cerca di una rotta dall’Asia alla Polinesia; la spedizione era finalizzata alla ricerca di contatti tra civiltà asiatiche, polinesiane e pre-colombiane. Elaborò una prima ipotesi di origine “nordamericana” delle popolazioni polinesiane.

Perù e Polinesia (1947)Modifica

L’imbarcazione Kon-Tiki

Il 28 aprile 1947 Heyerdahl salpa da Callao con un’imbarcazione di legno di balsa di ispirazione incaica, il Kon-Tiki, trasportato dalla Corrente di HumboldtIl 30 luglio l’equipaggio avvista l’isola di Puka Puka, nell’arcipelago delle Tuamotu, e dopo un’altra settimana riuscirà ad approdare sull’atollo di Raroia. Questa spedizione dimostrò la possibilità tecnica per le popolazioni sudamericane di raggiungere e colonizzare la Polinesia, anche se tale ipotesi non ha trovato pieno riscontro in verifiche effettuate con mezzi moderni, quali le analisi genetiche, che hanno però dimostrato il flusso inverso, tecnicamente analogo dal punto di vista della navigazione.

Galápagos (1952)Modifica

I detrattori della sua teoria sostenevano che prima di raggiungere la Polinesia, le popolazioni sudamericane avrebbero dovuto raggiungere le Galápagos, più vicine ma disabitate. Nessun archeologo aveva mai studiato quelle isole, considerate disabitate. Con questa spedizione Heyerdahl dimostra che le Galápagos erano state punto di approdo di navigatori provenienti dalle Americhe in epoca precolombiana. Individua l’isola come possibile attracco delle zattere pre-incaiche preistoriche, ritrovamento di abitazioni precolombiane con resti di centinaia di vasi in ceramica pre-incaici dell’Ecuador e del Perù settentrionale. Le isole avrebbero potuto essere uno scalo migratorio dal Sud America verso la Polinesia.

Isola di Pasqua (1955)Modifica

Stabilitosi a Rapa Nui per un anno, Heyerdahl analizzò scientificamente le possibili tecniche di costruzione e trasporto dei moai. Dimostrò che molti di essi erano sepolti dentro la collina e più grandi del previsto, e che in origine recavano sul capo una sorta di copricapo in pietra rossa.

Aiutato da archeologi professionisti, effettuò un’analisi stratigrafica sulla colonizzazione dell’isola, risalente almeno al 380. Tramite l’analisi dei pollini nelle stratificazioni in un lago paludoso, dimostrò definitivamente che alcuni secoli prima dell’arrivo degli Europei, l’isola era coperta da una fitta vegetazione arborea.

Vennero confutate, con un efficace esperimento pratico, le teorie legate all’impossibilità per un popolo primitivo di scolpire ed erigere statue di quelle dimensioni e quel materiale senza una tecnologia avanzata. Durante l’esperimento, con una speciale tecnica e strumenti rudimentali, sei uomini riuscirono in soli tre giorni a scolpire interamente una statua di dodici tonnellate in tufo vulcanico e trasportarla utilizzando 180 uomini, muniti di funi e di un’enorme slitta di legno. Un’altra statua pesante trenta tonnellate, rimasta a terra per secoli, venne issata su un’alta piattaforma di muratura, mediante un apposito basamento di pietre.

RaModifica

Nel 1969 partì dalla città fenicia di Safi, in Marocco, con un’imbarcazione costruita da maestranze del Lago Ciad. Il progetto si basava su documentazioni di tipiche antiche imbarcazioni egizie in papiro, eccessive per navigare solo sul Nilo. Dopo 56 giorni, naufragò a circa una settimana di navigazione dalla meta. Del ridotto equipaggio, anche per la successiva traversata della RA II, fece parte l’esploratore documentarista ed alpinista italiano Carlo Mauri.

Ra IIModifica

Nel 1970, sempre dal Nord Africa, partì con un’imbarcazione costruita da amerindi Aymara del lago Titicaca, percorrerà in 57 giorni 3 270 miglia, raggiungendo l’isola di Barbados. Con questa impresa dimostrò la fattibilità tecnica, già nell’antichità, di viaggi dal vecchio verso il nuovo mondo, suggerendo che la somiglianza culturale tra i popoli precolombiani e le popolazioni assiro-babilonesi, potrebbe non essere dovuta al caso.

Iraq (1977)Modifica

Con una nave di giunchi percorre 6800 km, discendendo il fiume Tigri fino al Golfo Persico, poi nell’Oceano Indiano fino alla valle dell’Indo in Pakistan e verso ovest fino al Bab el-Mandeb, l’imboccatura del Mar Rosso. Con questa impresa, dimostra la possibilità di scambi culturali e commerciali in epoche molto antiche ad opera dei popoli mesopotamici, anche se la tecnica di costruzione della sua imbarcazione era mutuata da indigeni del Lago Titicaca, in Sudamerica, e non dalle antiche tecniche sumeriche.

MaldiveModifica

Dal 1981 al 1984 fu alle Maldive: durante questa spedizione archeologica scopre reperti che dimostrano come le isole, già 2 000 anni prima di Cristo, fossero punto di passaggio per navigatori provenienti dalla terraferma e diretti in India.

Nuovi scavi sull’Isola di PasquaModifica

Tornò sull’Isola di Pasqua dal 1986 al 1987: compì nuovi esperimenti che dimostrano ulteriormente la facilità di trasporto delle statue da parte di una squadra di soli 15 uomini.

Esplorazioni successiveModifica

Studiò le Piramidi di Tucumè (Perù) nel 1988]]; dal 1992 al 1995 esegue scavi nelle isole Canarie; s’interessa alle Piramidi di Guimar, dimostrando che non sono ammassi casuali di pietre ma opera dell’uomo.

Esegue scavi ad Azov, in Russia, nel 2002, alla ricerca delle origini dei popoli vichinghi, ossia la mitica terra dell’Ásaheimr; furono però interrotti dal peggioramento della sua salute.

Premi in sintesiModifica

Nel 1950 ricevette la “Retzius Medal” dalla Royal Swedish Society for Antropology and Geography”. Nel 1952 viene premiato con l’Oscar per il documentario sul viaggio della zattera Kon-Tiki.

Immagine tratta dalla pellicola premio oscar Kon-Tiki

Nel 1960 viene eletto quale membro della “Norwegian Academy of Sciences”, nel 1962 fu insignito della “Lomonosov Medal” dall’università di Mosca, della Gold Medal Royal geographical di Londra, della Medaglia Norvegese St. Hallvardsmedaljen e del Bradford Washburn Award dal museo della Scienza di Boston.

Fu di nuovo candidato nel 1972 all’Oscar per la categoria Documentari, ricevette dottorati Honoris causa dall’Università di Lima e da quella di Cuba.

Oltre a questo a Heyerdhal è stato intitolato un asteroide che ruota fra i pianeti Marte e Giove: 2473 Heyerdahl è un piccolo asteroide della fascia principale, scoperto da Nikolai Stepanovich Chernykh nel 1977.

La KNM Thor Heyerdahl è una fregata della Norwegian Navys Fridtjof, di classe Nansen.



About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…