Un tour alla scoperta dell’antico acquedotto di Genova 

Un tour nella storia del genovesato, lungo l’acquedotto storico di Genova domenica 22 ottobre. L’escursione guidata percorre il tratto da Molassana a Staglieno, attraversando gran parte dell’antico tracciato tra antichi orti, boschi misti e vallette nascoste ed arrivando ai grandi ponti-sifoni Geirato e Staglieno, veri capolavori ingegneristici dell’epoca. Lunghezza totale del percorso 10 km – durata: 5 ore circa. E’ prevista una breve sosta per pranzo al sacco.
L’escursione ha un andamento per la maggior parte pianeggiante, escluso alcuni tratti di salita e discesa (dislivello 50m). E’ previsto un breve tratto su terreno accidentato. Si richiede una buona capacità di camminare in ambiente naturale. Necessarie scarpe e abbigliamento da trekking. Tariffa: Intero € 16,00 – bambini 0-6 anni gratis. Il biglietto della visita non comprende il biglietto bus AMT obbligatorio per maggiori di 1,5 m di altezza, da acquistare autonomamente al costo di €1.50 a tratta. I biglietti Amt sono disponibili anche presso lo IAT. La partenza del tour è alle 9.15 dall’Ufficio IAT del Porto Antico, Palazzina Santa Maria. Bisogna presentarsi almeno 15 minuti prima della partenza. L’escursione terminerà in via Delle Ginestre.
LA STORIA

L’acquedotto storico è una struttura imponente, edificata per rifornire d’acqua la città all’inizio del 1200 e successivamente ampliato e migliorato, fino alla metà del 1600; oggi rappresenta un itinerario escursionistico interessantissimo sia dal punto di vista storico che naturalistico. Venne costruito in età romana a partire dal fondovalle del giro del Fullo, tra Molassana e Prato e in età medievale venne ulteriormente ampliato ad una quota più alta (circa 50 metri), così da poter raggiungere, grazie alla maggiore pendenza, i quartieri occidentali della città. L’acquedotto funzionò fino a metà Ottocento ma la sua acqua arrivava sino al quartiere del Molo ancora nel 1951. Parte dei suoi 40 chilometri sono scomparsi col crescere della città ma restano lunghi tratti pianeggianti percorribili a piedi e in bici, fra le case e gli orti dei vecchi borghi della val Bisagno.

About the Author

Stefano Pezzini

Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio…