Il 2018 Anno Europeo della Cultura al Parco del Beigua

Il 2018 è stato dichiarato Anno Europeo del Patrimonio Culturale dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea. Il Parco del Beigua, con la sua ricchezza storica e ambientale, mette in campo il patrimonio di cultura materiale e immateriale dei suoi dieci Comuni, con un calendario di appuntamenti che per tutto l’anno accompagneranno alla scoperta del territorio attraverso la storia, la cultura e le tradizioni che rivivono in musei, monumenti e manifestazioni. L’Anno Europeo infatti intende contribuire ad affermare una visione ampia e integrata del patrimonio, che includa il paesaggio, l’immateriale, il digitale e sia chiaramente in dialogo con la produzione creativa contemporanea; sia mezzo per l’identificazione e affermazione di valori civili e diritti umani, strumento per il dialogo interculturale e per l’individuazione di risposte alle sfide della contemporaneità; agevoli la comprensione dei valori comuni alla base della nostra identità europea.

 

“Come Geoparco inserito nella prestigiosa lista internazionale UNESCO, non potevamo perdere un’occasione unica per promuovere lo sviluppo e il turismo sostenibile attraverso i settori culturali e creativi e in collaborazione con i dieci Comuni del comprensorio del Beigua, nel corso dell’anno proporremo tante iniziative per valorizzare i gioielli del nostro territorio. Eventi, manifestazioni e visite guidate che prenderanno il via ad aprile con due importanti appuntamenti che vedono protagoniste le Ville storiche della Liguria: ad Arenzano, la mostra Florarte sarà ospitata nei giardini e nella bella serra liberty di Villa Negrotto Cambiaso, mentre a Genova Voltri si terranno visite guidate a tema storico-architettonico e geologico nella Villa Duchessa di Galliera, in concomitanza con l’inaugurazione dello scalone monumentale del giardino all’Italiana.

Le iniziative proseguiranno poi a ritmo serrato con la visita guidata alla abbazia cistercense di Tiglieto a maggio, la Festa marinara di Cogoleto a giugno, legata alla storia di Cristoforo Colombo, l’evento musicale Campofestival ad agosto a Campo Ligure, nella suggestiva cornice del Castello medievale. Settembre sarà il mese più denso di appuntamenti, con gli incontri e i laboratori dedicati alla storia delle ferriere organizzati al Museo del Ferro di Masone, la Festa dell’Amaretto a Sassello con visite al ricco patrimonio museale del borgo, il weekend Pertiniano promosso da Stella per celebrare la nascita del Presidente delle Repubblica più amato e il Lanzarottus Day di Varazze, dedicato al navigatore varazzino precursore di Colombo, che raggiunse le Isole Canarie. A chiudere l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale del Beigua sarà la Castagnata di Rossiglione a inizio ottobre, in compagnia dei tradizionali “valoi”.

Il variegato programma si arricchirà con un evento dedicato alla valorizzazione delle incisioni rupestri presenti nel Geoparco: un convegno, organizzato in primavera, dedicato alle tracce di antichi riti e linguaggi incise nelle rocce del Beigua dai suoi abitanti fin dal Periodo Neolitico.

Un racconto emozionante che si snoderà mese dopo mese, anche sulle pagine social del Parco, approfondendo non solo gli eventi inseriti nel calendario, ma anche le molte altre iniziative e manifestazioni che verranno organizzate nel corso del 2018, con tante notizie e curiosità, ricercando nel passato del territorio e delle genti, i momenti storici e le origini delle tradizioni che hanno contribuito a formare il patrimonio culturale che oggi contraddistingue il comprensorio del Beigua”, spiegano al Geoparco.

 

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...