A Bordighera sulle tracce degli inglesi

Museo Bicknell

Giovedì 9 agosto alle 9 (ma sarà ripetuta tutti i giovedì di agosto) a Bordighera, escursione sui luoghi degli inglesi ed il Museo Bicknell, con visita alla mostra “Clarence Bicknell in the past for the future. Inter-relazioni”

 

Una passeggiata nei giardini, ricchi di essenze esotiche, tra alberi rari e giganti, nei luoghi degli inglesi tra fine Ottocento e inizio Novecento. Visita del Museo Bicknell,  magnifico contesto per scoprire la figura di Clarence Bicknell botanico, illustratore e ricercatore della flora locale e delle incisioni rupestri, animo di grande sensibilità volto alla fratellanza  dei popoli, attraverso l’esperanto. Visita alla ricca e interessante mostra documentaria “Clarence Bicknell in the past for the future. Inter-relazioni” organizzata dall’Istituto Internazionale di Studi Liguri nella ricorrenza del centenario della morte di Clarence Bicknell che comprende album fotografici dei numerosi viaggi sia in terre lontane, che nelle valli liguri e piemontesi, acquerelli, sketch books, oggetti personali, ecc.

IL MUSEO

 

Il Museo può considerarsi il più antico della Liguria Occidentale. Sito nei pressi dell’antica Via Romana, nello stabile edificato nel 1888 dal reverendo anglicano sir Clarence Bicknell (1842-1918), è legato alle ricerche sul territorio e all’attività culturale del suo eclettico fondatore che fu naturalista, matematico, botanico, pittore, esperantista, oltre che generoso filantropo. Diverse sono le collezioni custodite e in parte esposte nel salone che ospita la biblioteca concepito dallo stesso Bicknell come centro di riunioni e concerti della comunità inglese: calchi, frottages che riproducono le incisioni preistoriche scoperte da Bicknell sul Monte Bego e nella Valle delle Meraviglie, e una campionatura di materiale archeologico, costituito in prevalenza dai resti di una tomba romana del II-III sec. d.C. scoperta a Bordighera nel 1955. Altre preziose raccolte naturalistiche, tra cui una collezione di farfalle e un erbario riguardante la flora di Bordighera e di Sanremo, insieme a un importante fondo di acquerelli e stampe, sono accessibili solo per ragioni di studio. L’ambiente fonde le caratteristiche dell’architettura religiosa vittoriana con un giardino ricco di specie esotiche: da notare un sorprendente esemplare di Ficus magnolioide che ha inglobato parte del muretto di cinta del giardino. Il Museo mantiene ancora oggi la primitiva suggestione e il carattere impresso da Bicknell grazie all’opera di salvaguardia e all’attività di ricerca e divulgazione dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri che ne ha raccolto l’eredità e che dal 1937 vi ha sede.

 

INFO:

RITROVO:  ore 9 a Bordighera davanti Ufficio Turismo IAT (Via Vittorio Emanuele, n 172 – davanti fermata Bus del Palazzo del Parco)

DURATA: due ore e mezza circa

QUOTA: visita guidata € 5,00 (gratuito per i ragazzi fino a 15 anni) + ingresso museo € 3,50 Le visite  si svolgono anche in caso di pioggia, non serve prenotare 

CONTATTI: Liguria Arte Natura di Angela Rossignoli  tel. 0184 448397 – cell. 338 4536788 mail: angela.rossignoli@gmail.com

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...