A Marmoreo l’ottava edizione di Arte in Campagna

E’ quel momento magico in cui la luce del sole diventa dorata, il canto delle cicale si affievolisce e l’erba, ancora calda del giorno, diviene il miglior posto da cui godersi lo spettacolo: sabato 10 agosto, dalle 18, “Arte in Campagna” 2019 ha inizio. Siamo all’ottava edizione dell’esposizione che a Marmoreo unisce pittura, scultura e fotografia ad un paesaggio bucolico, buon cibo e bella musica, in una cornice che ha sedotto anni fa l’ideatrice e curatrice della mostra, Enrica Cremonini, e grazie alla quale ha preso vita l’associazione culturale ETRA – Marmoreo Comunità Creativa, di cui è presidente. 

“Arte in Campagna” gode della splendida ospitalità dell’antico frantoio di Marmoreo, dove sono esposte le opere dei numerosi artisti che fin dal primo anno sono stati protagonisti dell’iniziativa e che negli anni sono aumentati insieme al prestigio della mostra stessa.  

Sabato 10 agosto, il pomeriggio avrà inizio con i “racconti foderati di musica”, uno spettacolo di narrazione e musica della compagnia I Pezzi Fluttuanti, cui seguirà l’introduzione alla mostra da parte della critica Francesca Bogliolo; il Prof. Hermann Restuccia coinvolgerà con le sue “impressioni sull’arte”, per accompagnare il pubblico ad un incontro tangibile con gli autori, vero obiettivo di questa ottava edizione, atto a creare un’ampia ed informa l e conversazione fra pubblico e artisti , sulle note culinarie di molto lontano e laboratori artistici di molto vicino.  

Venerdì 16 agosto, dalle 19.30 alle 21.30 verrà ripreso il discorso con le “Letture della Bellezza” , l ibere letture itineranti tra le opere della mostra e piccola degustazione di vini , grazie all’ APS #cosavuoichetilegga? 

La mostra sarà aperta fino al 18 agosto (nei giorni 12,13,14 e 15 aperto solo su prenotazione). 

Un ringraziamento speciale ad Amalife, alla Proloco Marmoreo ed alla comunità tutta che si unisce per rendere ogni anno unica la settimana di agosto dedicata all’arte. 

Maddalena Canepa

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...